Segnala ad un amico stampa

La Provincia incontra il giovane neo laureato Emanuele Tataranni

06/07/2012 13:12

BAS"Il presidente della Giunta Franco Stella e il presidente del Consiglio Aldo Chietera, insieme ai dirigenti dell’Ente, hanno incontrato il neo laureato Emanuele Tataranni. Ne dà notizia, in una nota, lo stesso Ente spiegando che Tataranni "nello scorso mese di giugno ha partecipato, in rappresentanza dell’Università di Siena presso la quale si è laureato, al congresso Euregeo (EUropean Congress on REgional GEOscientific Cartography and Information Systems) con un progetto informatico dedicato al Metapontino".
“Il WebGis EvAlMet (Eventi Alluvionali nel Metapontino) – ha evidenziato Tataranni - è nato dall'esigenza di creare uno strumento che fosse in grado di monitorare e censire gli eventi calamitosi del Metapontino. Andando sul sito internet www.evalmet.it è possibile consultare un “database” degli eventi alluvionali e delle precipitazioni eccezionali verificatesi nel periodo 1959-2011. A ogni evento è poi associata una scheda descrittiva contenente pubblicazioni con materiale iconografico e video.”
“Ancora una volta scopriamo quanto questa provincia sia ricca di energia innovativa. I nostri giovani talenti, e sono tanti, possono concorrere a rideterminare il nostro presente e sostenerli è un preciso dovere delle istituzioni. Proprio come il giovanissimo neo laureato Emanuele Tataranni che ha deciso di spendersi nella sua terra, di giocare insieme a noi la partita dello sviluppo su un terreno difficile qual è quello del dissesto idrogeologico in atto da decenni. Piaga – ha evidenziato il presidente della Provincia di Matera, Franco Stella – che ha contrassegnato in maniera determinante la storia di questo territorio. Situazione chiaramente complessa che il lavoro del giovane Tataranni può contribuire a risolvere semplificando anche il dialogo tra tutti gli enti deputati alla difesa del territorio. Il sito internet della Provincia di Matera ospiterà il WebGis, uno strumento che, oltre a garantire una memoria storica dei terribili eventi calamitosi, può aiutarci a elaborare proposte più efficaci".
bas 02