Pisticci, assessore Grieco: urgenti interventi riforestazione

punti apici 03/09/2012
ore 16:43
punti
BAS

BAS“Gli imboschimenti presenti sul nostro territorio principalmente conifere e eucalipti hanno da sempre rappresentato, delle forti criticità ecologiche. All’epoca in cui tali interventi furono realizzati (circa quaranta, cinquanta anni fa), si operò, principalmente per finalità sociali, ovvero dare lavoro a tutta la filiera forestale, ed ambientali, per la protezione del suolo e alla prevenzione dal dissesto idrogeologico”. E’ quanto dichiara in una nota l’assessore all’Agricoltura e Ambiente, Pasquale Domenico Grieco. “In quegli anni si è dato origine ad un intervento che ha causato problemi ambientali, non di poco conto. Specie quali il pino d’Aleppo, pino Marittimo e altre conifere che furono inseriti dal livello del mare fin quasi ai mille metri, senza rendersi conto se ciò era una scelta possibile e sostenibile. Questi imboschimenti furono indicati come imboschimenti di transizione, dovevano cioè, dopo quindici venti anni al massimo, progressivamente essere sostituiti con essenze autoctone di ecotipi locali (latifoglie nobili, macchia Mediterranea, ecc). Si sarebbero dovute eliminare le conifere e/o gli eucalipti progressivamente, a macchia di leopardo, reinserendo preferibilmente da seme essenze autoctone di ecotipi locali. A ciò si aggiunga che gli imboschimenti di cui sopra presentano per le loro caratteristiche, impianti coetanei e monospecifici, assenza di sottobosco  e quindi di humus, e presentano la pressoché totale sterilità del suolo. La progressiva eliminazione  e sostituzione di questi impianti, purtroppo, non è stata mai fatta, i boschi sono diventati progressivamente maturi, con la conseguenza che soprattutto nei nostri ambienti calanchivi con pendenze verticali o sub-verticali, il diametro e le altezze medie dei soggetti impiantati è diventato talmente elevato da agevolare celermente i fenomeni di scalzamento dovuti all’effetto del vento e dal ridotto spessore del suolo utilizzabile. La diretta conseguenza di tale situazione è stata ed è, l’innesco di naturale ribaltamento dei soggetti in piedi sulle pendici e il progressivo avvio dei fenomeni di erosione e di dissesto idrogeologico”.   “C’è la necessità d’intervenire celermente – continua Greco - con uno studio e progettazione immediato, altrimenti assisteremo, nostro malgrado, nel breve e medio termine a problemi molto più gravi come la stabilità idrogeologica del territorio di Pisticci, già seriamente compromessa, dai precedenti incendi e non solo.
Volendo dare delle indicazioni di carattere tecnico-scientifico, ritengo che bisogna ripartire con essenze che si collocano bene sul nostro territorio (latifoglie nobili, macchia Mediterranea, ecc), utilizzando seme autoctono, analizzato e certificato anche dal punto di vista fitosanitario, per evitare di introdurre fitopatie indesiderate. Secondo aspetto, sempre connesso al primo, la velocità d’intervento, e considerato che l’area interessata è di circa mille ettari, anche con tratti molto impervi, bisogna effettuare interventi con mezzi aerei dotati di benne aspersorie isotattiche finalizzate a irrorare sulle superfici danneggiate, anche più inaccessibili.
Questi sistemi tecnologicamente avanzati, disponibili anche in Regione, consentono di utilizzare, apposite miscele di seme, idonee per ogni sito di intervento con accluse resine organiche, finalizzate al trattenimento delle componenti più sottili presenti sulle superfici del terreno e potenzialmente oggetto di dilavamento con le piogge autunnali ed invernali.  A tal fine, per poter operare, va necessariamente fatta una specifica ricognizione aerea del territorio al fine di poter ottimizzare la progettazione delle mescole e garantire un’azione di protezione efficace già dal primo anno.  Non intervenire prontamente significa esporre le superfici ai processi di dilavamento, di erosione e di progressivo innesco irreversibile, dei meccanismi di dissesto che si renderanno visibili già dal primo anno, successivo al passaggio del fuoco”.

bas 06

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio