Cciaa Potenza: sei aziende del potentino al Cibus di Parma

punti apici 24/04/2012
ore 10:03
punti
BAS

BASLa Basilicata del gusto sarà presente al Cibus di Parma, Salone Internazionale dell'alimentare italiano in programma dal 7 al 10 maggio prossimi, grazie alla missione della Camera di Commercio di Potenza. 2.300 le aziende espositrici, 120 mila i metri quadrati di superficie del quartiere fieristico, tantissimi i buyers ed operatori italiani ed esteri, provenienti dai Paesi maggiormente interessati al made in Italy.
"La conquista dei mercati esteri, anche alla luce della stretta sui consumi interni, diventa essenziale per le nostre aziende – commenta il presidente della Cciaa potentina, Pasquale Lamorte -.Perché, se da noi si avvertono in maniera dolorosa i morsi della crisi, la domanda di food made in Italy proveniente da tutto il mondo cresce, sia dai Paesi tradizionali importatori di cibo italiano, come la Germania o gli Usa, ma anche da quelli emergenti, che ad oggi rappresentano la frontiera più ambita da parte dei nostri operatori".
Gli ultimi dati parlano di 300 milioni di indiani benestanti che consumano pasta, olio e formaggi italiani; in Brasile proliferano i ristoranti italiani e nei negozi crescono i consumi di pasta, salumi, formaggi, pizza e gelato; la Russia, che importa il 40% del proprio fabbisogno alimentare, compra fortemente italiano; l'occidentalizzazione delle abitudini alimentari tocca anche milioni di cinesi e vietnamiti. L'export dell'industria alimentare non a caso è cresciuto del 10,3% nel 2011 e le previsioni per il 2012 sono più che buone.
Sei le aziende lucane partecipanti alla missione: Agriturismo Parco Verde, (vino medievale ed altri prodotti); Caffè Opinum (caffè); Consorzio Bontà Mediterranee (pasta secca Miskiglio e altra pasta); Frantoio oleario F.lli Pace (olio); Italmiko (salse e conserve); Posticchia Sabelli (prodotti lattiero-caseari). Oltre ai prodotti agroalimentari, i visitatori dello stand Basilicata potranno ammirare le ceramiche di Calvello, manufatti di artigianato artistico decorati a mano che rappresentano il forte legame del cibo con il territorio lucano.

bas 06 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio