Lavoro, Uil lucana domani a manifestazione nazionale

punti apici 12/04/2012
ore 16:27
punti
BAS

BASAnche la Uil di Basilicata parteciperà alla manifestazione indetta dalle segreterie nazionali di Cgil-Cisl-Uil, che si terrà domani 13 aprile a Roma per protestare contro i provvedimenti del Governo che lascia senza nessuna protezione i lavoratori fuori usciti dai luoghi di lavoro per effetto della crisi e delle ristrutturazioni o che debbono ricongiungere i periodi contributivi versati ad enti diversi.
La Uil di Basilicata parteciperà con circa cento dirigenti che raggiungeranno Roma con i pullman che partiranno nella nottata da Potenza e Matera.
“A prescindere da quelli che sono i dati o i numeri reali - dichiara il segretario della Uil di Basilicata Carmine Vaccaro - che attendiamo ancora di conoscere, ci aspettiamo che il Governo faccia un'operazione di giustizia, dando una risposta immediata a tutti coloro che hanno perso il lavoro e che a seguito dell'innalzamento dei requisiti pensionistici rischiano di rimanere senza reddito e senza pensione”.
“Giustizia vuole che venga ripristinato il diritto ad accedere al pensionamento coi vecchi requisiti a tutti i lavoratori esodati che hanno concluso accordi sulla base di regole che sono state cambiate in corso d’opera”.
"Il Governo, continua Vaccaro, deve capire che dietro i numeri ci sono delle persone che hanno lasciato il lavoro, facendo affidamento sul quadro normativo in quel momento vigente e che si vedono ora improvvisamente stravolgere la propria situazione di vita, senza possibilità di tornare indietro sulle proprie scelte".
“Chiediamo che venga data, celermente, una risposta positiva a tutti gli esodati, a tutti i lavoratori coinvolti nei processi di mobilità o nei fondi di solidarietà, a tutti coloro che avendo perso il lavoro e essendo giunti in prossimità dei requisiti pensionistici previgenti se li vedono drasticamente spostare in avanti anche di 6 anni.
Se secondo il Governo occorre rimanere dentro le risorse stanziate per le deroghe, noi con questa manifestazione vogliamo ricordare che i risparmi prodotti con la riforma pensionistica sono stati pagati dai lavoratori e dai pensionati e non e' uno scandalo utilizzarne la parte che serve per dare risposte a giuste istanze sociali".
“Con la manifestazione di domani, conclude Vaccaro, respingiamo come una forma di vera e propria barbarie legislativa l’abitudine, iniziata con il governo precedente e proseguita da quello attuale, di adottare interventi retroattivi sulle condizioni di vita e di lavoro dei dipendenti.
A tale scopo, si chiede al Governo di avviare quanto prima un confronto di merito, al fine di individuare le soluzioni più adeguate per rispondere ai problemi sopra richiamati”.
bas 02

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio