Cciaa Potenza: presentato il Repertorio della ricerca Unibas

punti apici 09/03/2012
ore 15:59
punti
BAS

BASLo strumento tende ad accorciare la distanza tra chi crea conoscenza e le imprese che vogliono innovare.

Quaranta progetti di ricerca, generati da nove Dipartimenti dell’Ateneo lucano, sono da oggi consultabili sul “Repertorio delle attività di ricerca e trasferimento tecnologico dell’Università degli Studi della Basilicata”, volume presentato questa mattina a Potenza dal “Partenariato per la promozione dell’innovazione” (che comprende la Camera di Commercio di Potenza, l’Università lucana, la Provincia di Potenza e 8 Associazioni di categoria del territorio).

Si tratta della versione cartacea di un database - costantemente aggiornato - che può essere indagato on line, sul sito dell’Ilo (Industrial Liaison Office), ufficio nato per avvicinare il mondo della ricerca accademica a quello dell’impresa. Le preziose informazioni potrebbero rivelarsi utilissime per le imprese del territorio, chiamate a innalzare la propria competitività dalla sfida globale attraverso la conoscenza: «Questo è il risultato tangibile di un lungo e complesso lavoro, condotto in sinergia, tra soggetti del mondo pubblico e privato – ha sottolineato il presidente della Camera di commercio potentina, Pasquale Lamorte -. Le imprese chiedono sostegno, noi rispondiamo sul piano delle idee e dei progetti sul fronte dell’innovazione. L’obiettivo è arrivare alla definizione di un Tavolo unico regionale, ad una cabina di regìa dell’innovazione e del trasferimento tecnologico, così indispensabili per la crescita del tessuto economico e produttivo».

«Il momento è difficile, la crisi lascia il segno ma occorre avere fiducia in noi stessi e continuare a coltivare i nostri talenti – ha aggiunto il magnifico Rettore dell’Ateneo lucano, Mauro Fiorentino -. Penso alle risorse umane della nostra Università: dai docenti fino ai neo laureati, passando per i giovani ricercatori, i dottorandi e gli assegnisti. Tutti sviluppano un grande lavoro, che è patrimonio da mettere in campo per far incrociare la ricerca con l’impresa. Il Repertorio è un punto di partenza; nei prossimi anni dovremo generare ulteriori azioni per rendere visibile alla collettività questi risultati».

«Lungo la direttrice dell’istruzione e della formazione è necessario creare dei partenariati stabili, duraturi, che facciano leva sulle risorse umane» ha concluso il presidente della Provincia di Potenza, Piero Lacorazza, ricordando che su questi presupposti nascono i Patti Formativi Locali e che la Provincia si sta spendendo in direzione – tra l’altro – dell’alternanza scuola-lavoro per accorciare la distanza tra scuola e mondo del lavoro.     

bas 03

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio