Ageforma: tavolo tecnico su “Diversamente abili in formazione”

punti apici 30/09/2011
ore 15:57
punti
BAS

BASSi è tenuto presso l’Ageforma il Tavolo tecnico-operativo denominato “L’inserimento mirato - Rete territoriale e buone prassi”, nell’ambito del progetto Diversamente abili in formazione, P.O. Regione Basilicata 2007-2013. All’incontro – spiega un comunicato di Ageforma - hanno preso parte Salvatore Auletta, assessore provinciale alla Formazione; Nicola Trombetta, presidente Ageforma; Salvatore Parziale, direttore generale Ageforma; Giovanna Salluce, responsabile progetto; Mario Di Trani, responsabile Cpi Valbasento; gli orientatori Domenico Casamassima, Angelo Morelli, Annunziata Laterza, Francesca Buono; rappresentanti di Enti istituzionali, aziende ed utenti.

«Si è trattato di un momento di confronto, finalizzato alla messa a fuoco di quanto sino ad oggi fatto, in materia di sostegno alla diversabilità, nei percorsi di collocazione in azienda. Da quanto emerso – ha dichiarato il presidente Trombetta – possiamo esprimere una valutazione estremamente positiva, guardando a quanto concretizzato, ma di sicuro a quello che dobbiamo essere ancora in grado di costruire, nell’interesse degli utenti, e nell’adempimento del ruolo di questa agenzia». Il progetto ha inteso difatti costituire una rete, che, andando ad interessare i vari soggetti territoriali, metta a valore questa esperienza, offrendo opportunità di impegno ed impiego ai 18 utenti selezionati. Grande la sensibilità dimostrata dall’ente di Via Ridola nella persona del Presidente Franco Stella, e della giunta, - prosegue la nota di Ageforma - che si è sino ad oggi spesa nel sostegno all’azione di sensibilizzazione, propedeutica al raggiungimento dei risultati auspicati. “La Provincia si è adoperata responsabilizzando la spesa, ma soprattutto avviando un’opera continua di dialogo nei confronti del mondo aziendale; sappiamo che oltre alle prescritte azioni sanzionatorie – ha sottolineato l’assessore provinciale Auletta – molto è rimandato all’informazione ed alla interlocuzione: i dati che leggiamo, con le circa 70 assunzioni del 2010, ci autorizzano a ben sperare, pur nella consapevolezza di dover proseguire con la implementazione di quanto realizzato».
“L’appuntamento si è reso necessario anche per una valutazione delle diverse fasi progettuali - ha ricordato il direttore Parziale - durate le quali si è proceduto a costruire la rete territoriale, mettendo a sistema le diverse risorse presenti nella provincia, nel comune intento di costruire percorsi realmente praticabili. Fondamentale è risultato, a tal proposito, l’apporto dei Centri per l’impiego, come delle strutture sanitarie, e del mondo imprenditoriale, associativo e della cooperazione sociale interessati durante le varie fasi”
“Le piccole e medie imprese, ma anche numerose associazioni, cooperative che da tempo sono impegnate sul fronte della diversabilità non hanno esitato ad offrire tutto il loro sostegno; l’attività di consulenza orientativa ha potuto mettere in rilievo i reali bisogni degli utenti – ha sottolineato Giovanna Salluce, Responsabile del progetto – diversamente non coinvolti, perché non al corrente delle opportunità a loro riservate. L’inserimento nel mercato del lavoro può costituire al contrario uno strumento fondamentale per un processo di integrazione sociale/lavorativa, che ripartendo dalla quotidianità riequilibri il sistema di vita della persona». Fondamentale per la conduzione dei lavori – conclude la nota - è risultata la presenza in sala degli utenti beneficiari dell’azione formativa, che hanno espresso giudizi di grande apprezzamento nei confronti delle modalità organizzative praticate dall’Agenzia Ageforma.

BAS 05






Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio