Matera, Eustazio(Spi Cgil): positiva apertura Farmer Market

punti apici 26/03/2011
ore 10:49
punti
BAS

BAS“Una bella notizia per i cittadini e gli anziani di Matera che corona una battaglia sviluppatasi nel corso degli ultimi 3 anni da parte dello Spi e della Cgil per l’apertura, anche nella città dei Sassi, di un Farmer Market”. Lo afferma in un comunicato il segretario provinciale Angelo Eustazio, in riferimento all’apertura, ieri, nel piazzale antistante il Comune, del Farmer.

“E’ un regalo – sottolinea Eustazio - che viene fatto ai cittadini in prossimità delle festività pasquali. Vogliamo ringraziare l’Amministrazione comunale per l’ottimo lavoro svolto e che ha permesso di superare le difficoltà, “alcune strumentali”, e di vincere le resistenze incarnate dalla Confcommercio e Confesercenti che si sono arroccate in un atteggiamento conservatore ed ideologico che finisce per andare contro gli interessi delle stesse categorie che dicono di volere rappresentare.
Nel quadro di un giudizio positivo sulla realizzazione del Farmer, - prosegue il segretario di Spi Cgil - vogliamo contemporaneamente esprimere perplessità per l’apertura per la sola giornata del sabato, tra l’altro coincidente col mercato generale nel rione San Giacomo.
Lo Spi Cgil ritiene, dopo una breve fase di sperimentazione, che si debba raddoppiare il numero delle giornate di apertura settimanale.
L’Amministrazione Comunale e la Coldiretti devono vigilare per garantire la freschezza dei prodotti e il risparmio di almeno il 30% sull’acquisto.
Alle organizzazioni dei commercianti chiediamo la disponibilità ad aprire un tavolo di confronto per individuare misure concrete di rilancio della domanda di consumi nella città e, insieme, bloccare la chiusura di centinaia di esercizi comm.li, soprattutto piccoli, nel silenzio più assoluto.
Alla Regione Basilicata – aggiiunge Eustazio - chiediamo il varo di una legge organica che favorisca la costituzione di gruppi di acquisto solidali per spingere i consumatori all’uso dei prodotti a chilometro zero del posto con l’erogazione di contributi economici come incentivo.
Nella stessa legge devono essere previsti contributi economici da erogare ai comuni che, a loro volta, devono individuare spazi pubblici attrezzati da assegnare agli imprenditori agricoli locali per la vendita diretta dei prodotti dell’ortofrutta, lattiero caseari e zootecnici.
La stessa legge dovrebbe prevedere norme in grado di sferrare un colpo alla filiera alimentare fonte di speculazioni e di innalzamento ingiustificato dei prezzi e, in fasi di emergenza, anche di aggiotaggio.
Con una molteplicità di iniziative è possibile contrastare con maggiore efficacia il fenomeno della povertà che interessa fasce sempre più larghe di lavoratori, di pensionati, di giovani e disoccupati della prov. di Matera.
Tocca ancora una volta ai sindacati e alle Istituzioni Locali – conclude il segretario provinciale del sindacato pensionati della Cgil - sopperire al vuoto di provvedimenti da parte del Governo Berlusconi che sommerge i cittadini italiani di nuove tasse lasciando i pensionati sempre più fragili economicamente e soli di fronte alla crisi”.

BAS 05

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio