Cciaa Potenza: intese con Camera tedesca su turismo storico

punti apici 24/03/2011
ore 15:10
punti
BAS

BASI turisti tedeschi appassionati di Federico II potrebbero presto trovare itinerari e pacchetti ad hoc nel Vulture. E’ questo l’auspicio della Camera di Commercio di Potenza che - nell’ambito del Progetto Interregionale “Federico II di Svevia, itinerari dello Stupore” - ha invitato a Melfi il segretario della Camera di Commercio Italiana per la Germania, Claudia Nikolai, e due ospiti: Claus Peter Haase, ex direttore del Museo dell’arte islamica a Berlino e componente scientifico della mostra “Die Staufer und Italie” (tenuta a Mannheim nel 2010) e Klaus Reimer, dottorato in storia e titolare dell’agenzia “Reisen in die Geschichte”, che organizza viaggi d’arte e di storia per piccoli gruppi.

«I nostri ospiti ci hanno confermato che il richiamo di Federico II per i tedeschi è fortissimo e che questo territorio ha tutte le potenzialità per posizionarsi come meta in grado di attirare flussi di turismo storico-culturale – spiega il presidente della Cciaa potentina, Pasquale Lamorte -. Il posizionamento va però costruito, offrendo soluzioni che ci facciano conoscere e che siano competitive rispetto ad aree più organizzate ed attrezzate dal punto di vista dell’offerta. Di concerto con la Regione Basilicata e l’Apt stiamo quindi lavorando per promuovere incontri BtoB tra tour operator e operatori tedeschi, in occasione delle celebrazioni dei cento anni della Camera di Commercio Italiana in Germania che si terranno in novembre a Francoforte».

La “storia” come asset turistico strategico, dunque, in linea con quanto suggerito da un’indagine dell’Isnart del 2009, commissionata dalla Camera di Commercio. Lo studio ha evidenziato che il territorio del potentino riesce a cogliere una certa quota di mercato rispetto a turisti che - più in generale - scelgono l’Italia e il Mezzogiorno, ma non ha ancora trovato una reale connotazione ed un posizionamento competitivo. Altra sottolineatura importante, emersa dalla ricerca, è che i visitatori stranieri cercano prevalentemente natura e relax, ma quando sono sul territorio scoprono con piacere – e fruiscono appieno - di offerte culturali di qualità come mostre, musei, eventi, e di risorse dell’identità locale come l’enogastronomia e l’artigianato tipico.

Il percorso appena intrapreso con la Germania potrà dunque contribuire a implementare i flussi da un punto di vista quantitativo e qualitativo, generando significative ricadute sull’economia locale.

BAS 05
  

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio