Prov Pz: presentata a Regione proposta intesa su formazione

punti apici 18/02/2011
ore 16:31
punti
BAS

BASCome annunciato nei giorni scorsi la Provincia di Potenza ha presentato alla Regione Basilicata una proposta di intesa interistituzionale, per il periodo 2011-2013, finalizzata a sostenere e rendere più efficace e strategico il sistema regionale di orientamento, di istruzione, formazione professionale e politiche del lavoro, mediante un’azione programmatica condivisa e improntata alla piena collaborazione.
La proposta è stata consegnata questa mattina, nell’ambito della Conferenza permanente fra Regione e Province, prevista dall’art 38 della L.R. n° 33/2003, a cui hanno partecipato tra gli altri il Presidente della Provincia Piero Lacorazza, l’assessore alla Formazione Vitantonio Lucio Rossi e la dirigente del settore Maria Rosaria Sabia .
“Ciò che proponiamo, al di là della piena attuazione della L.33, è – ha affermato Lacorazza - una vera e propria sfida che riguarda una visione nuova del sistema dell’istruzione e della formazione, partendo da una definizione chiara ed equilibrata del “chi fa cosa”. In linea con gli obiettivi generali del Po Fse Basilicata 2007-2013, la Provincia attraverso l’intesa intende confermare nel prossimo triennio il ruolo dei servizi per l’impiego e dell’Osservatorio del mercato del lavoro e trasformare l’Apofil in un’agenzia di cambiamento e innovazione, capace di un’offerta formativa dinamica, flessibile, orientata ai fabbisogni del target e articolata in aree tematiche che assecondino le vocazioni territoriali.
A tal proposito, i patti formativi locali, rappresentano – ha aggiunto Rossi - lo strumento cardine di pianificazione dell’intesa, con l’obiettivo di declinare le politiche attive del lavoro e della formazione in un network con i centri per l’impiego, l’agenzia formativa, le istituzioni scolastiche e universitarie, oltre che gli attori locali pubblici e privati. Raccogliendo ed affrontando la sfida delle città-territorio, che hanno costituito il punto di riferimento della programmazione dei Pois, la Provincia di Potenza, attraverso un rinnovato ruolo di Apofil, può sostenere le principali dinamiche di sviluppo di ogni singola area, incoraggiandone progettualità e aspirazioni in diverse aree tematiche (dall’agricoltura al turismo, dalla tutela del territorio allo sviluppo energetico sostenibile, dalla cultura all’Ict, fino al settore sociale e sanitario). Settori, questi, nei quali ci sono grandi opportunità occupazionali che il sistema della formazione deve essere pronto a cogliere e anticipare, anche attraverso una maggior efficienza della macchina amministrativa, per favorire l’incontro tra domanda e offerta di lavoro, accorciando la forbice tra il sapere e il saper fare.
In tale logica, tra i punti qualificanti dell’intesa proposta dalla Provincia, trovano spazio, oltre ai servizi di orientamento e occupabilità, di offerta per l’obbligo formativo, di inclusione sociale, ai servizi per l’apprendistato e ai servizi per l’impiego e per la formazione continua, alcuni progetti speciali tra cui quelli riguardanti la formazione legata al tema della protezione civile e quindi della difesa del territorio e i protocolli con la Soprintendenza e con la Procura della Repubblica. Si tratta di accordi strategici che mirano, nel primo caso, a rafforzare il lavoro con i presidi turistici, e dall’altro a superare la carenza di organico della Procura, formando risorse umane da mettere a disposizione per le attività in questione.
“Dentro questa visione strategica, di territori, di partenariati e tematismi – ha concluso il Presidente – si è costruita anche la proposta di dimensionamento scolastico, nella consapevolezza che è proprio la scuola l’anello fondamentale da cui partire per riorganizzare e dar qualità al sistema dell’istruzione e della formazione”.
(r.s)

BAS 05

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio