Coldiretti: la crisi colpisce i pensionati autonomi

punti apici 15/01/2011
ore 16:52
punti
BAS

BASLa difficile congiuntura economica mondiale colpisce maggiormente le famiglie e i pensionati del lavoro autonomo. Circa 120.000 i lucani che percepiscono una pensione minima di 500 euro al mese. La perdita di potere d’acquisto della pensione ha messo in grave difficoltà i pensionati del lavoro autonomo. Difficilmente, 500 euro al mese, bastano a soddisfare le esigenze minime quotidiane atte a sostenere un tenore di vita dignitoso. È quanto emerso dalla riunione congiunta del Consiglio Regionale e dei Consigli Provinciali di Potenza e Matera dell’Associazione pensionati Coldiretti Basilicata. Nell’incontro si è parlato anche di politica sanitaria regionale. Il nuovo Piano Sanitario Regionale, con le sue luci e le sue ombre, è un segnale positivo che la classe dirigente lucana ha lanciato alle fasce più deboli.
“In Basilicata – ha affermato Leonardo Gorgoglione Presidente Regionale dell’Associazione Pensionati Coldiretti – i cittadini che percepiscono una pensione al trattamento minimo nel corso degli ultimi anni sono diventati sempre più poveri a causa della perdita del potere di acquisto della stessa. E’ necessario che il Governo Nazionale si faccia carico del problema degli anziani, sia avviando provvedimenti incisivi a sostegno di una politica sociale più rispondente alle esigenze delle fasce più deboli sia predisponendo urgenti misure economiche per il recupero del potere d’acquisto della pensioni. Urge anche che la Regione Basilicata dia istruzioni precise e definitive riguardanti la concessione dei benefici economici ai cittadini non autosufficienti previsti dall’Ente e rimpingui il fondo regionale dimostratosi insufficiente a soddisfare tutte le richieste pervenute”.
Bas 03
 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio