Matera, al Musma la musica dialoga con le sculture

punti apici 23/08/2010
ore 11:57

Sabato concerto di musica istantanea

punti
BAS

BASSabato 28 agosto 2010, dalle ore 22.00 alle ore 24.00 apertura straordinaria del Musma (Museo della Scultura Contemporanea – Matera); per l'occasione, i musicisti Francesco Dillon (violoncello, elettronica) e Fabio Orsi (elettronica), si esibiranno in quello che promette di essere molto più che un semplice concerto.
Data l'eccezionale conformazione degli spazi espositivi del Musma, e per le caratteristiche estetico-percettive della musica proposta, si assisterà, infatti, a un vero e proprio esempio di “scultura sonora” che si confronta con la “scultura plastica” della prestigiosa collezione. Un'opera di sound-art colta a dialogare con esempi di arte visiva tradizionale; una forma di arte temporale - e in quanto tale immateriale - esposta, per una sera, al fianco di manufatti tangibili: suono che, facendosi spazio, diviene oggetto tra gli oggetti. La serata si struttura in tre differenti momenti che sottostanno a una logica di (ricercata) dislocazione spaziale, oltre che concettuale. Una prima esibizione di violoncello solo di Francesco Dillon - solista e camerista classe 1973, studi e residenza a Firenze ma carriera internazionale avviata da Sinopoli nel 1995 con la chiamata fra i solisti dell'Accademia filarmonica romana - spazierà dalla contemporaneità più coraggiosa (in scaletta brani di Jonathan Harvey, Juste Janulyte, Michel Van Der Aa, tutti compositori ancora nel pieno delle proprie forze creative), alla riproposta di classici bachiani (Cello Suite n.1). Seguirà la suggestiva performace multimediale (audio-visiva) di Fabio Orsi, giovane compositore di musica elettronica autore di suoni che accordano i linguaggi della tradizione popolare e quelli dell'avanguardia in un connubio tanto originale quanto affascinante.
A conclusione della serata, i due musicisti si cimenteranno in una forma di improvvisazione momentanea (instant-composition) regolata anche da fattori contingenti e casuali come il feedback del pubblico, le condizioni climatiche, le interazioni tra luce e suono.
Nel corso della serata, tra le performance dei musicisti, sarà offerta una degustazione di vini “Matera DOC” dell'Azienda “Dragone”.
Gli spettatori saranno liberi di visitare il museo che, dal 9 luglio scorso, è stato riallestito nella sua intera collezione, arricchito di nuovi spazi espositivi e di altre 100 opere donate dagli artisti o dai loro eredi e dai collezionisti italiani e stranieri che considerano il museo di Matera una realtà ineludibile nel panorama delle istituzioni artistiche internazionali.
Inoltre, si potranno visitare le “Sale della Caccia” che, fino al 2 ottobre, ospitano parte della mostra antologica (piccole sculture, gioielli, disegni dal 1948 al 2010) dedicata allo sculture giapponese Kengiro Azuma.
La realizzazione dell’evento è possibile grazie alla Cooperativa ArteZeta, alla Fondazione Zétema di Matera e all’Associazione Culturale Cleta, nonché al contributo della Provincia di Matera, Assessorato alle Politiche del Turismo.
(bas - 04)

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio