Ospedale Tinchi, Digilio (Fli) su comportamenti di Idv

punti apici 14/08/2010
ore 12:37
punti
BAS

BAS“Anche se ho deciso di trascorrere il Ferragosto nei comprensori del petrolio e quindi non posso farlo di persona, vorrei far giungere al Comitato di difesa dell’ospedale di Tinchi un incoraggiamento a continuare la mobilitazione insieme ad un suggerimento a tenere gli occhi ben aperti contro tentativi demagogici e, forse, da considerare già come pre-elettorali”. E’ quanto sostiene il sen. Egidio Digilio (Fli), precisando che “l’atteggiamento del capogruppo Idv al Senato Belisario è tipico di chi si prepara alle elezioni politiche e dopo che il suo stesso partito, con l’assessore Mastrosimone in giunta e il capogruppo in Consiglio Regionale Mazzeo Cicchetti, hanno preso le distanze dalla protesta di Tinchi, fa un’improvvisa quanto repentina marcia indietro esaltandone l’iniziativa. E per non essere scavalcato dal collega di partito De Magistris, che solo qualche giorno fa ha usato parole di fuoco contro gli amministratori regionali, in difesa di Tinchi, Belisario, dando prova di saper interpretare al meglio la strategia giustizialista-populistica di Di Pietro, da “capo popolo” va oltre De Magistris, sino a chiedere le dimissioni del direttore generale dell’Asm Gaudiano. Non c’è che dire: è davvero un gran bello spettacolo di politica se si pensa alla mozione dei due consiglieri regionali Idv “dissidenti” (Benedetto e Autilio) bocciata in Consiglio dal centrosinistra e la dura “reprimenda” contro i due del capogruppo che ha scritto di “essere l’unico ad interpretare la linea del partito” e pertanto adesso, sfiduciato dal suo senatore, dovrebbe solo dimettersi. Sono giochetti che i cittadini di Tinchi sanno distinguere rispetto a comportamenti lineari e corretti che – dice Digilio – puntano solo alla tutela della salute e alla salvaguardia di servizi ospedalieri sul territorio senza speculazioni politiche. E sul riordino del sistema degli ospedali lucani, sull’attuazione dei Distretti e della sanità territoriali, è ora che l’Assessore Martorano abbandoni il linguaggio da tecnocrate e, in sintonia con la sua Giunta, dica parole chiare se non vuole diventare complice dei “giochetti di Belisario”.

BAS 05

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio