Progetto "I Cammini", concerto organista Lisanti a San Mauro Forte

punti apici 25/06/2019
ore 09:31
punti
BAS

BASCon il concerto dell’organista Micheleantonio Lisanti e la partecipazione del Coro San Giovanni Paolo II di Ferrandina, il 30 giugno a San Mauro Forte alle ore 20 nella Chiesa Madre, prosegue il progetto "I Cammini tra radici e futuro. Il Contributo dell’Arcidiocesi di Matera-Irsina al percorso di Matera 2019” che è un progetto di Matera Capitale Europea della Cultura 2019, coprodotto dall’Arcidiocesi di Matera-Irsina, in partenariato con la Diocesi di Tricarico, dall’Associazione Parco Culturale Ecclesiale “Terre di Luce” e dalla Fondazione Matera-Basilicata 2019, patrocinato dal Pontificio Consiglio della Cultura e dall’Ufficio Nazionale per le Comunicazioni Sociali della Conferenza Episcopale Italiana. Le esecuzioni musicali sono a cura della Fondazione Orchestra Lucana presieduta da Franco Lisanti con la direzione artistica del Maestro Vincenzo Perrone.
Il concerto - spiega la nota dell'Ufficio Comunicazioni Sociali Arcidiocesi Matera – Irsina -  rientra nel Cammino degli organi a canne.
L’organo anonimo della cinquecentesca Chiesa Madre di San Mauro Forte (MT) è databile alla seconda metà del sec. XVIII, come suggerisce la presenza nel quadro fonico di un Principale II con estensione a partire dal Do#2, registro, questo, presente anche in organi quali il Petrus De Simone della Chiesa di S. Domenico a Ferrandina datato 1777 e l’anonimo di scuola napoletana datato 1785 situato nella Chiesa Madre di Montalbano; in entrambi i casi il registro è denominato “Eco”. La funzione di Eco sembra confermata nello strumento di S. Mauro, dove il Principale II è collocato sul fondo del somiere, dietro l’ultima fila di ripieno.
Caratteristica la presenza di due file di canne lignee in basseria: quelle che completano il Principale (in facciata in stagno a partire dal La1), poste su due somierini collegati direttamente dietro il somiere maestro, di taglio più stretto; e quelle di Contrabasso, di taglio più largo, poste sul somiere di basseria e aventi estensione Do1-Do2 (in base 8′ da Do1 a Fa1, 16′ da Sol1 a Do2).
Arricchiscono il quadro fonico due zampogne con tuba in castagno, costruite secondo la prassi napoletana del canaletto in legno ricavato come prolungamento della tuba.
La tastiera ottocentesca in osso rinvenuta (del tutto simile a quelle ritrovate a Matera S. Agostino e a Cancellara) è stata accantonata e sostituita con una tastiera in bosso ed ebano, secondo misure settecentesche.
Programma del concerto:
• Bernardo Storace: Toccata e Canzon
• Domenico Zipoli: all’Elevazione
• Bernardo Pasquini: Toccata del secondo tuono; Ricercare del secondo tuono
• Wolfgang Amadeus Mozart: Ave Verum K 618*
• Giovanni Maria Trabaci: Ricercare del nono tono; Canzona Franzesa IV
• Girolamo Frescobaldi: dal secondo libro delle Toccate Toccata I
• Johann Jakob Froberger: Toccata FbWV 110
• Don Lorenzo Perosi: O salutaris Hostia*
• Girolamo Frescobaldi: dai “Fiori musicali” Canzon quarti toni; Bergamasca

Bas 05
 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio