Deroga rotazioni colturali cereali, soddisfazione Copagri lucana

punti apici 15/01/2019
ore 17:19
punti
BAS

BASLa Copagri Basilicata attraverso una nota esprime “soddisfazione per la deroga concessa alla Regione dal Ministero delle politiche agricole alimentari forestali e del turismo, grazie alla quale vengono consentite, come già accaduto per la Sicilia, le rotazioni colturali da adottare nelle aziende biologiche. Grazie a tale deroga, infatti, ottenuta ai sensi dell’articolo 2, comma 7, del D.M. 6793/2018 e riservata a definiti ambiti territoriali a vocazione cerealicola - si legge ancora nel comunicato - viene prevista la possibilità di una rotazione quadriennale all’interno della quale siano previste non meno di tre specie differenti, almeno una delle quali leguminosa”. La Copagri Basilicata - che aveva ufficialmente richiesto il provvedimento - ringrazia l’assessore regionale all’agricoltura, Luca Braia “per l’importante risultato conseguito”. “Tale deroga è di fondamentale importanza per il comparto cerealicolo regionale, poiché in assenza di essa si sarebbe venuto a creare un grave danno economico ai produttori di grano biologico”, spiega il presidente della Copagri Basilicata, Nicola Minichino. “Senza questo adeguamento, infatti, sarebbe stato impossibile osservare una normale rotazione biennale e sarebbe, di fatto, stato consentito il ritorno del grano sullo stesso appezzamento dopo tre anni, facendo così perdere ulteriori opportunità produttive”, aggiunge il presidente regionale della Copagri. “La predisposizione della deroga da parte dalla Regione Basilicata, quindi, fortemente richiesta dalla Copagri, ha risolto quello che si sarebbe potuto declinare come un problema di sperequazione ai danni dei tanti produttori di cereali del Sud del nostro Paese”, conclude Minichino.
 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio