Segnala ad un amico stampa

Comune Pz: convegno europeo sui cambiamenti climatici

14/11/2018 10:58

BASConvegno europe sui cambiamenti climatici: nota di Saverio Giannizzari (M5S).
 "In qualità di Capogruppo del Movimento 5 Stelle al Comune di Potenza ho avuto il piacere di partecipare al convegno “Change the climate, for our health” (Cambiare il clima, per la nostra salute) svoltosi lo scorso otto novembre presso il Parlamento Europeo a Bruxelles. L’incontro, promosso da Piernicola Pedicini, portavoce del M5S in Europa, ha messo in evidenza la necessità di affrontare con maggiore attenzione il tema dei cambiamenti climatici in relazione alla salute della popolazione mondiale.

È necessario arrivare all’applicazione di misure urgenti per raggiungere zero emissioni entro il 2050 e per cercare di ridurre almeno del 55% entro il 2030 l'anidride carbonica che abbiamo emesso nell'atmosfera. L’eliminazione dei sussidi ai combustibili fossili, il passaggio a energie rinnovabili, all'efficienza energetica, alla riforestazione e all’implementazione del riciclo dei rifiuti rappresentano le azioni necessarie al contrasto dei cambiamenti climatici.

Nel mondo, inoltre, il 91% delle persone respira aria malsana provocando circa sette milioni di decessi all'anno. Questo rappresenta una delle principali cause di morte prematura al mondo. Per questi motivi la lotta contro i cambiamenti climatici e l'inquinamento atmosferico (due facce della stessa medaglia) è una delle cinque priorità principali dell'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Il mio intervento si è spinto in questa direzione cercando di mettere in luce le difficoltà dei Comuni ad assolvere al monitoraggio della qualità della salute ambientale dei propri cittadini. Le Amministrazioni non hanno le competenze, non sanno quali sono i mezzi di valutazione. Il Comune di Potenza non conosce gli strumenti da utilizzare. Gli enti preposti, come ad esempio l’ARPAB, non sono enti certificati e l’Amministrazione, non avendo un capitolo di spesa di riferimento, è costretta a rivolgersi a consulenze esterne decisamente poco qualificate.