A Pignola il 18 ottobre convegno “Lotta alla criminalità”

punti apici 15/10/2018
ore 17:45
punti
BAS

BASL’Amministrazione comunale di Pignola fa sapere in una nota che organizza per il 18 ottobre, in collaborazione con l'istituto comprensivo Pignola-Abriola, il convegno “Lotta alla Criminalità: Il valoroso coraggio del maresciallo dei Carabinieri Agatino Di Matteo”, Vittima del Dovere e insignito della Medaglia di Bronzo al Valore dell'Arma dei Carabinieri. Attraverso l’esperienza del Maresciallo Di Matteo, l’amministrazione comunale “intende sensibilizzare i giovani della comunità pignolese sul tema della legalità, attraverso una testimonianza diretta e concreta di un uomo che ha votato la propria esistenza alla giustizia e alla sicurezza del nostro Paese”.
“Il maresciallo Agatino Di Matteo - è scritto nel comunicato - è nato a Taranto, figlio di genitori lucani e da anni vive a Pignola. L'episodio che ha coinvolto Agatino Di Matteo risale alla notte del 4 giugno 1981, quando, insieme ad un altro carabiniere in servizio di perlustrazione sul territorio brindisino, notava una Fiat 128 di colore bianco, scortata da un camion. Poiché, precedentemente, nella zona erano stati segnalati malviventi appartenenti alla "Sacra Corona Unita", immediatamente i Carabinieri si avvicinarono all'auto per effettuare un controllo, ma i malviventi iniziarono a sparare con pistole e fucili a canne mozze, colpendo il maresciallo Di Matteo al gomito sinistro e al collo, a pochi centimetri dalla vena giugulare. Nonostante le gravi ferite riportate, seppure in situazione numerica inferiore, il maresciallo Di Matteo riuscì a rispondere al fuoco, mettendo in fuga i malviventi. Nel frattempo, stramazzato al suolo con forti emorragie, il maresciallo fu portato in salvo dal carabiniere con lui in servizio e, successivamente, ricoverato prima all’ospedale di Francavilla Fontana e poi al C.T.O. ”Careggi” di Firenze, dove fu sottoposto a delicati interventi chirurgici al gomito sinistro ed alla maxillo-facciale. Fu posto in congedo assoluto a soli trentasei anni, mentre, nel 2000, gli fu diagnosticata la “Malattia di Parkinson” a seguito dell’aggravamento dell’ansia depressiva reattiva, dovuta al conflitto a fuoco ed alla ritenzione di schegge metalliche nella parte molle del volto. Nel 2006 fu riconosciuto “Vittima del Dovere”, mentre nel 2015 gli venne conferita la Medaglia di Bronzo al Valore dell’Arma dei Carabinieri. La cruenta vicenda del conflitto con i malviventi è stata raccontata su Rai Uno il 2 gennaio 2016 nel corso della trasmissione televisiva “Il Dono”, in cui lo stesso maresciallo ha incontrato e ringraziato il carabiniere che gli salvò la vita”.
Nel corso del convegno interverranno numerosi esponenti delle istituzioni, tra cui il sindaco di Pignola, Gerardo Ferretti, il sindaco di Abriola, Romano Triunfo e la dirigente scolastica Elena Pusateri. Non mancheranno interventi delle più alte cariche civili e militari, tra cui quelli del Prefetto di Potenza, Giovanna Stefania Cagliostro, del Procuratore della Repubblica di Potenza, Francesco Curcio, del Questore di Potenza ,Alfredo Anzalone e del Generale della Legione Carabinieri di Basilicata, Rosario Castello. Presente al convegno anche la famiglia Di Matteo, oltre ai vari studenti che prenderanno parte alla manifestazione, organizzata per poter interagire con modelli positivi di legalità che, attraverso i loro sacrifici e le loro esperienze, hanno contribuito alla lotta alla mafia, battaglia che lo Stato porta avanti da anni con uomini e magistrati di grande coraggio e abnegazione. La manifestazione avrà inizio alle ore 9:30 e si terrà presso la sala ristorante "Elios" in via Coiro Camillo a Pignola.


Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio