Mecca (Agia-Cia) su ruolo giovani valorizzazione pecorino Filiano

punti apici 03/09/2018
ore 09:29
punti
BAS

BAS“I giovani allevatori-agricoltori della Valle di Vitalba sono pronti a raccogliere le continue sfide a cui il territorio e il Consorzio di tutela del pecorino di Filiano dop stesso è chiamato a rispondere: il continuo calo degli allevamenti ovi-caprini e non solo nella zona baricentrica del Pecorino, ma anche ad una stentata unione dei soci che faticano a fare "massa critica" all’interno del consorzio per rafforzare l'immagine del prodotto stesso nei mercati extra-regionali ed internazionali”.
È quanto sostiene Giuseppe Mecca, vice coordinatore regionale di Agia-Cia Basilicata tracciando un bilancio più che positivo della 46esima Sagra del Pecorino di Filiano appena conclusa.
“Guardiamo con fiducia al futuro di queste attività. Potrebbero e dovrebbero giocare un ruolo importante specie chi eredita già un allevamento dalla propria famiglia e – aggiunge - costituendo nuove aziende operanti sul territorio, contribuendo allo spopolamento e alla manutenzione dello stesso, e non rinunciando mai a produzioni di qualità tracciabile e riconoscibile in contesti estranei al nostro per spuntare migliori condizioni di redditività. L’apporto dei giovani e quindi il rafforzamento del processo di ricambio generazionale in agricoltura – dice ancora Mecca – è un elemento da non sottovalutare, anzi da promuovere sia con specifiche azioni di programmi comunitari che attraverso progetti di formazione, aggiornamento e consulenza. Tramandare dai custodi del sapore e della qualità delle greggi locali tecniche e pratiche di allevamento e di trasformazione casearia ai giovani è un’operazione culturale per accrescere uno dei prodotti simbolo del nostro alimentare tipico lucano in grado di conquistare nuovi mercati interni ed esteri”.


Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio