Giordano (Ugl) su sviluppo e occupazione

punti apici 05/06/2018
ore 15:34
punti
BAS

BAS“Le ultime elezioni avvenute nella nostra nazione hanno determinato un quadro politico con alcuni lati chiari ed oscuri la cui chiave di lettura è difficile da dare. Alcune figure nuove di parlamentari, possono anche far sperare che prossimamente vi sia, finalmente dopo anni di bui completi, uno spiraglio di tendenza innovativa nel modo di governare la Basilicata”.
E’ quanto afferma il segretario Provinciale dell’Ugl di Matera Pino Giordano, il quale si augura che il parlamento neo eletto possa finalmente affrontare le molteplici tematiche che assillano le popolazione lucana a partire dallo sviluppo e occupazione.
“E’ cresciuta e continua a crescere il livello di povertà in Basilicata, aumentando il livello di estremo disagio economico e sociale in molti strati della società lucana”. Giordano auspica che, “il nuovo governo, contrariamente a ciò che non ha fatto quello trascorso, affronti il problema dello sviluppo e dell’occupazione a partire da una politica industriale che incentivi con un serio progetto gli insediamenti a partire dall’area industriale della Val Basento. Il turismo, l’agricoltura, i servizi materiali ed immateriali sono ad un livello di degrado assoluto senza uno straccio di speranza e men che meno di futuro”. Il sindacalista dichiara, altresì, che “in Basilicata vi è un sistema di impresa che va avanti da solo senza una guida che li metta al riparo dalle conseguenze della crisi economica che attraversa il nostro Paese. I soggetti che rappresentano il mondo imprenditoriale, ad iniziare dalla Confindustria, garantisce la normalità con una sterile gestione delle numerose ed irreversibili crisi che colpiscono le imprese locali, quando invece occorre che abbia un ruolo, una responsabilità ed una determinazione maggiore verso le istituzioni”. Giordano conclude, affermando che “la Basilicata ha gestito centinaia di milioni di euro derivanti dalle royalties e dai fondi europei dell’obiettivo 1 senza che si è potuto contribuire a far si che si iniziasse a dare risposte ai tanti giovani disoccupati, ai tantissimi lavoratori che hanno perso il proprio posto di lavoro, ai cassintegrati e/o in mobilità in deroga, alle stesse famiglie che vivono momenti difficili che non si vedevano dai tempi del dopo guerra: il cambiamento c’è stato, ora ci si attendono azioni concrete”.

bas 02

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio