Firmato Protocollo d'intesa tra Confagricoltura e mondo venatorio

punti apici 24/04/2018
ore 12:26
punti
BAS

BASConfagricoltura Basilicata e l’Associazione E.P.S. (Ente Produttori di Selvaggina), dopo aver sottoscritto a Roma un ‘protocollo d’intesa’ per avviare iniziative comuni in materia di gestione agricola e faunistica, hanno ratificato anche in Basilicata l’intesa. Per Confagricoltura Basilicata - si legge in una nota -  presenti le Componenti di Giunta Esecutiva Maria Giuliani e Clara Riccardi; per E.P.S. il Presidente Regionale Angelo Cafaro, il Presidente Provinciale Vito Cristiano, il Direttore Tecnico Sandro Cafaro. Il Presidente di Confagricoltura Basilicata Francesco Paolo Battifarano impegnato a Roma per un incontro con i vertici di Agea e il Presidente della Giunta Pittella per i pagamenti PSR.
“In attesa che il Consiglio regionale approvi la legge sulla fauna selvatica che abbiamo proposto, – osservano le dirigenti di Confagricoltura Basilicata Clara Riccardi e Maria Giuliani - occorre superare la contrapposizione agricoltori/cacciatori che, spesso, ha caratterizzato i rapporti, anche nel recente passato, per avviare una rinnovata collaborazione con la consapevolezza che il territorio non solo è lo strumento produttivo dalle imprese agricole, ma anche la culla della caccia. L’E.P.S. si è detta consapevoli della necessità d’intraprendere un’attiva gestione del territorio - habitat della fauna selvatica - che porti a preservare gli spazi aperti, a contrastare l’abbandono delle terre ed a far diventare risorsa agricola la gestione venatoria.
Il cacciatore deve essere non solo fruitore ma anche attore della salvaguardia del territorio, rispettando le vocazioni e specificità colturali, gli orientamenti scientifici, l’ambiente. Dal suo canto, l’agricoltore può trarre beneficio dalla corretta gestione delle specie che risultano in sovrannumero per la mancanza di una seria governance”.
Confagricoltura ricorda che, a livello nazionale, il valore economico-occupazionale che ruota attorno alle attività di gestione faunistica e alla salvaguardia degli habitat, produce un effetto economico di oltre 7 miliardi di euro; è un valore che rappresenta lo 0,44 % del PIL nazionale a cui va aggiunto quello delle eccellenze artigianali del ‘Made in Italy’ ritenute da tutti un riferimento mondiale. Un fattore di primaria importanza - conclude la nota -  da tutelare e da tenere in massimo conto nelle politiche di sviluppo del Paese.

Bas 05



 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio