Summa (Cgil) su morte giovane operaio a Tito Scalo

punti apici 27/02/2018
ore 11:38
punti
BAS

BAS “Non si puo morire di lavoro ieri sera è morto un giovane operaio dell’Ageco , schiacciato da un macchinario mentre svolgeva il suo lavoro: solo l’ultima spia di quel che sta accadendo nel mondo del lavoro". È quanto fa sapere Angelo Summa, Segretario Generale CGIL Basilicata in una nota inviata alla stampa. "Al di là delle specifiche responsabilità che saranno accertate rispetto alla morte del giovane - prosegue Summa -  non può sottacersi la dilagante tendenza da parte delle imprese a risparmiare sui costi e sugli interventi in prevenzione e sicurezza.” 
“Il 2017 per la basilicata ci consegna un dato: 11 infortuni mortali; in Basilicata il 40% delle pratiche di controllo definite dall’Ispettorato del Lavoro nel 2017 ha accertato irregolarità da parte delle aziende sottoposte a verifica : non è un dato neutro.
Ma al di là dei freddi numeri resta una realtà incontrovertibile: le condizioni di sicurezza negli ambienti di lavoro sono diventate una fonte di risparmio da parte delle imprese, che hanno sostanzialmente rinunciato ad investire nella prevenzione.
E a questo fenomeno non si risponde con la necessaria forza da parte degli enti istituzionalmente preposti alla vigilanza ed al controllo. Anche su questo registriamo ancora una volta la condizione di fragilità che vive la nostra regione. Non si può piu parlare di fatalità, benchè la crisi sembra quasi aver ‘anestetizzato’ l’attenzione delle istituzioni sul fenomeno degli infortuni e delle malattie professionali fino a farlo diventare una sorta di ritualità. I lavoratori, sempre più precari, subiscono il ricatto occupazionale che li induce a rinunciare a segnalare i rischi per la salute nei luoghi di lavoro e addirittura a far emergere condizioni di rischio.
Ecco perché servono maggiori e più incisivi controlli da parte dei Servizi ispettivi, occorre che Inail, Inps e Ispettorato del Lavoro svolgano una reale azione sinergica di controllo e promozione della salute e sicurezza del lavoro, rimettendo al centro la persona e la sua integrità.”
“Siamo accanto alla famiglia” fa sapere Summa, “e ci stringiamo in un abbraccio di commosso cordoglio, con la speranza che simili tragedie non abbiano più a verificarsi”.

Bas 05
 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio