Papaleo (Alad/Fand) su giornata mondiale del diabete

punti apici 13/11/2017
ore 09:44
punti
BAS

BAS Con l'iniziativa del 12 Novembre 2017 in Lauria, presso la Sala Cardinale Brancati, si e' avviata una serie di incontri con la popolazione lucana finalizzata a dare adeguate ed utili informazioni,in coincidenza con la Giornata Mondiale del Diabete, voluta espressamente dalle Nazioni Unite.
L'incontro ,è stato coordinato dal Vice Presidente dell' Associazione "Tre Valli Lagonegrese", aderente alla FAND, Dr.Mario Michele De Clemente che ha salutato i partecipanti e ringraziato i relatori per la loro disponibilità. Il confronto e" stato avviato dal Presidente dell'Associazione dei Pazienti dell'area Sud Silvano Papaleo che, nel sottolineare l'importanza dell'iniziativa , ha evidenziato come il fenomeno e' epidemico e colpisce indistintamente adulti e giovani, uomini e donne ; quest'anno, inoltre, la Giornata e' indirizzata in modo piu' diretto al Diabete Gestazionale , anche in quanto la Prevenzione all'insorgenza della malattia va fatta gia' nella fase di gestazione del nascituro; non ha mancato , inoltre, di evidenziare quanto importante diventa per le Istituzioni preposte il rispetto delle Linee Guida e nello specifico evitare le lungaggini delle liste di attesa, specie nelle aree piu' periferiche della regione, come Il Lagonegrese-Senise.
E' stata, quindi , la volta dei saluti istituzionali del Sindaco di Lauria Ing.Angelo Lamboglia che ha ringraziato per la scelta di Lauria ed ha evidenziato come oggi in occasione di questa Giornata a Roma ė stata sottoscritta la "Italian Urban Diabetes Charter" equivalente ad un decalogo che fissa le forme di cooperazione tra Sanita', Associazioni ed Istituzioni al fine di porre in essere attivita' di prevenzione e cura.; ha, quindi, sottolineato come Il Governo Regionale , in sintonia con le Civiche Amministrazioni Locali , e' stato molto attento, in questa attuale fase di Riforma Sanitaria Regionale, ad evitare soppressioni indiscriminate delle Strutture Sanitarie operanti sul territorio, proprio per meglio corrispondere alla logica di assistenza del cittadino laddove risiede.
Altro saluto della Civica Amministrazione e' stato svolto dall'Assessore alla Salute ed alle Politiche Sociali D.ssa Bruna Gagliardi che richiamando l'utilita delle attivita' da parte delle Associazioni di Volontariato, specie per malattie croniche, quale il diabete , espressamente e giustamente governato da una legge nazionale , la 115/87, supporta e favorisce il rapporto fra Istituzioni e popolazione; un impegno che va sostenuto , specie per patologie silenti , il cui progressivo ed inarrestabile avanzamento determina sempre maggiori difficolta' nella cura , oltre che essere causa di allargamento della spesa sanitaria e di quella sociale; ha richiamato il ruolo fondamentale dei MMG , responsabili della informazione, della prevenzione , quindi della riduzione del tasso di ospedalizzazione , secondo il rapporto territorio-ospedale-territorio.
Le relazioni centrali sono state svolte rispettivamente dal Dirigente della Diabetologia ASP Dr. Enzo Caruso che , attraverso la proiezione delle slide , predisposte appositamente dalla SID. ( Soc. Ital.Diabet. ) , attraverso le quali si vuole dare alla cittadinanza , appositamente coinvolta dalle Associazioni di Pazienti ( per questo un plauso per le Ass. dei Pazienti Diabetici che , nonostante il dilagare dell'egoismo e del personalismo, si prodigano in termini di solidarieta' praticata ), la necessaria consapevolezza intesa a prevenire la malattia e, nel caso di insorgenza, a sapersi adeguatamente governare; non ha mancato di evidenziare l'allarme sotteso al dilagare della malattia, specie nelle aree del Sud del Mondo, a cui non fa difetto la realta' del Sud della penisola italica, con la Basilicata che presenta indici di estrema pericolosita'; tanto, e' dovuto agli stili di vita inadeguati e, principalmente, al fenomeno correlato , quale e' l'obesità e il sovrappeso; inoltre, ha sottolineato come tanti sono ancora i cosi' detti " silenti" che non sanno di esserne affetti, oppure non lo dichiarano, anche a causa delle problematiche sociali, come avviene spesso specie per le difficolta' nel rinnovo della patente di guida; insiste, infine, nel sollecitare una diversa attenzione da parte delle Istituzioni ,in modo che si possa dare al cittadino una assistenza piu' compiuta e piu' tempestiva, procedendo nella implementazione della legislazione regionale ,pure presente , ma che va attivata, anche per dare ai Centri di Diabetologia un team dedicato.
Le altre relazioni sono state , quindi , svolte dal Dr. Gabriele Elefante - Dirigente Oculista ASP che ha richiamato la complicanza della retinopatia diabetica, anche in quanto prima causa di cecita' , per cui insiste nel praticare con sistematicita' il controllo del fondo oculare: dal Dr.Rinaldo Lauletta -Dirigente Responsabile Cardiologia Ospedale di Lagonegro che, nel sottolineare, come in cardiologia bisogna sempre distinguere le malattie cardiovascolari e segnatamente per il soggetto diabetico la cardiopatia diabetica; da qui, una attenzione costante ai valori pressori , anche in quanto la complicanza cardiologica e fra le principali cause di morte prematura per il soggetto diabetico; dal Dr.Luciano Scavone- Dietologo che insiste sulla corretta alimentazione e richiama l'importanza della Dieta Mediterranea, coniugandola con l'Attivitò Fisica; ha spaziato , quindi, nella rappresentazione della Piramide Alimentare e insistito sulla bontà nella riscoperta della Dieta Mediterranea.
Le conclusioni sono state tirate dal Dr. Antonio Papaleo- Consigliere Naz.le FAND e Coord. Reg.le Ass.ni Diabetici di Basilicata che , nel ringraziare tutti i relatori e il numeroso pubblico ,ha messo in evidenza le positività e le aspettative del popolo dei Pazienti Diabetici, recentemente rappresentate al Massimo Ente Territoriale , in occasione dell'audizione in IV Comm.ne Reg.le per poter contenere il fenomeno in crescendo della patologia diabetica, attraverso Campagne di Prevenzione e proseguire sulla strada intrapresa dal Dipartimento Salute per una sempre maggiore attenzione alla qualità dell'assistenza e cura delle Persone affetta da questa subdola patologia, sia per migliorare la loro qualità di vita,oltre che per limitare l'insorgenza delle complicanze , alquanto terrificanti e notevolmente onerose per la spesa sanitaria.
bas04

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio