OSPEDALE, VALVANO REPLICA A NAVAZIO

punti apici 25/10/2017
ore 17:19
punti
BAS

BASIl sindaco di Melfi, Livio Valvano, replica alle dichiarazioni del consigliere comunale Navazio. Ecco la nota integrale:

"Mia madre ha sempre ragione: “La gatt’ d’Forenz quer’ ca’ ie’ pensa”
Solo così si spiega la preventiva difesa dall’accusa di terrorista rispetto alla solita preoccupazione lanciata da qualcuno in queste ore sull’Ospedale di Melfi.
E’ evidente che dopo aver avuto indiscrezioni sull’imminente apertura del reparto maternità, visto che sono stati consegnati i certificati attestanti l’ultimazione dei lavori e il collaudo, qualcuno è caduto in preda al panico, considerato che dell’Ospedale, dalle elezioni del 2016, se ne fa una ossessione.
Se la preoccupazione è dove curarla allora è vero, all’Ospedale non si potrà curare.
La riapertura del reparto maternità sarà un momento di gioia per la comunità e l’intero territorio del Vulture-Melfese, ma comprendiamo che sarà vissuto come una celebrazione funebre per chi ama la pratica dell’amputazione pur di fare un dispetto alla moglie.
Non c’è nulla di segreto o di occulto.
E’ vero che c’è un trend non positivo del punto nascita; è un problema delicato, noto da affrontare che nessuno vuole e deve nascondere. Ne abbiamo parlato anche nelle discussioni pubbliche avute in Consiglio Comunale.
E’ altrettanto vero, però, che chi ha responsabilità politiche ha deciso.
A prescindere dal parere del Ministero, noto da tempo e guarda caso utilizzato proprio adesso che si apre il reparto, in determinate circostanze – come nel caso di Melfi - la Regione ha la facoltà di decidere sul mantenimento del reparto.
Ed è il caso dell’Ospedale di Melfi, dove le nascite sull’intero territorio servito sfiorano le mille unità, circostanza che consente di poter impostare un piano di rilancio del punto nascita.
L’assunzione del nuovo primario di ginecologia dal primo ottobre e del primario di neonatologia, insieme all’indizione dei concorsi rappresentano la più oggettiva delle prese di posizione da parte della Regione che si sostanziano nella volontà di rilanciare l’Ospedale.
Continuo a ritenere che non è questo il modo di affrontare un problema troppo serio che dovrebbe vederci lavorare insieme, perché la salute non è ne di destra ne di sinistra, tanto meno può essere abbandonata nelle mani del tanto peggio tanto meglio".
BAS04 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio