Uil Fpl su rotazione dipendenti al Comune di Matera

punti apici 23/10/2017
ore 17:51
punti
BAS

BAS  “L’organizzazione del lavoro e la gestione del personale al Comune di Matera, come a più riprese denunciato dalla UIL, necessità di una attenzione più puntuale da parte dell’Amministrazione e del dovuto coinvolgimento delle Organizzazioni Sindacali e quindi dei lavoratori”. Lo afferma, in un comunicato stampa, Francesco Coppola, segretario della Uil di Matera.
“In questo straordinario momento per la Città, far funzionare al meglio la macchina amministrativa rappresenta una delle priorità ineludibili. Invece a proposito si è in grave ritardo e con un approccio sulle stesse assolutamente carente e inadeguato.
Ad esempio, l’ultimo atto concernente la rotazione del personale, da noi della UIL addirittura auspicato, attraverso un’applicazione superficiale quanto irrazionale, ha totalmente vanificato la possibilità di eliminare la formazione di comparti stagno e quindi la creazione di nuove professionalità al fine di una maggiore capacità organizzativa.
A proposito la stessa ANAC, chiarisce che per quei settori caratterizzati da adempimenti e professionalità speciali ( ad es. Ufficio Sassi, Tecnico, ecc.) la rotazione non è obbligatoria e comunque la stessa non può mettere a rischio l’efficacia del servizio. Invece, si è proceduto ad una serie di ricollocazioni difficili da sostenere e se non vi fosse una urgente rivisitazione delle stesse, le ripercussioni sui servizi sarebbero devastanti.
Inoltre, dopo la sottoscrizione convinta della UIL del Contratto Decentrato, anche se con la riserva di rimodulare e ricontestualizzare l’applicazione degli istituti contrattuali alle nuove esigenze organizzative, si è finalmente sbloccata una situazione divenuta ormai stagnante e che non consentiva ai dipendenti di percepire il salario accessorio spettante.
Anche per questo non comprendiamo e non riusciamo a giustificare i ritardi accumulati da chi deve dare concreta attuazione all’accordo attraverso il completamento delle procedure per il pagamento della produttività e/o piuttosto del pagamento degli incentivi per le funzioni tecniche.
Discorso a parte meritano i lavoratori assunti a tempo determinato ed in scadenza di contratto.
Noi riteniamo che la proroga di questi, stante la disponibilità delle risorse, costituisca condizione necessaria per adempiere a tutte le incombenze attuali, anche in virtù dell’acquisizione degli stessi delle richieste conoscenze tecniche.
Chiediamo all’amministrazione una convocazione urgente della Delegazione Trattante, affinchè in un clima di collaborazione pur nel rispetto delle prerogative di ognuno, si possano trovare quelle soluzioni utili a tutti”.
bas04 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio