Grano, Cia: valuteremo decreto Mipaf prima di "sciopero semina"

punti apici 01/10/2016
ore 14:42
punti
AGR

AGRIl decreto del Ministero Politiche Agricole, approvato in Conferenza Stato-Regioni che fissa criteri e modalità di ripartizione delle risorse del fondo di 10 milioni di euro, a sostegno del comparto cerealicolo e il lieve aumento del prezzo del grano corrisposto ai produttori, registrato nella scorsa settimana alla Borsa di Foggia (di riferimento per i cerealicoltori lucani) sono ancora segnali positivi tenui. La preoccupazione dei cerealicoltori è rivolta agli aumenti immotivati che si potrebbero a breve registrare dei costi relativi al grano da seme che lo scorso anno incisero negativamente sui produttori. È quanto sostiene la Cia della Basilicata riferendo che si è in attesa di una valutazione compiuta e dettagliata del decreto Martina  (la misura prevede un aiuto di 100 euro ad ettaro per produttore nei limiti del regime 'de minimis') e nello specifico delle misure annunciate per incrementare la sottoscrizione di contratti di filiera prima di scongiurare lo “sciopero della semina”. 
Dopo la stagione più nera della contrattazione tra produttori di frumento e compratori, la Cia non è intenzionata ad abbassare la guardia sulla questione inerente la giusta redditività delle aziende agricole e il prezzo ad esse corrisposte per le produzioni.
Lo scorso anno, alla diminuzione del prezzo corrisposto ai produttori per il grano fece da assurdo contraltare l'aumento del grano da seme che gli agricoltori utilizzano, appunto, per seminare i campi e impostare la nuova stagione della coltura. Saremo vigili nel monitorare la situazione, opponendoci a qualsiasi opaca dinamica messa in moto da chi potrebbe avere l'intenzione di imporre il proprio indirizzo al mercato.
L'aumento del prezzo del grano da seme, naturalmente, non costituirebbe una buona notizia per le aziende agricole lucane, già strette nella morsa della peggiore annata degli ultimi 30 anni. È questo il motivo per il quale le organizzazioni degli agricoltori esprimono la loro preoccupazione e intendono vigilare sulle azioni intraprese da chi, anche a discapito delle aziende agricole, potrebbe determinare anche nel prossimo futuro dei prezzi che, di fatto, metterebbero in serie difficoltà le nostre imprese del settore primario.
"Agli associati consigliamo di non acquistare quelle varietà di grano da seme il cui prezzo dovesse registrare sensibili aumenti".
La Cia infine rilancia un progetto strutturato per il frumento lucano di qualità certificata, spiegando che in Basilicata sono circa 10mila le aziende cerealicole.
Altre idee del progetto: un sistema di quotazioni legato ai parametri qualitativi analitici; differenziare la qualità e classificarla analiticamente oltre ai classici parametri (peso specifico, proteine, glutine, colorazione; certificare e tracciare le produzioni; una campagna promozionale e formativa per le qualità elevate certificate; chiudere la filiera con industria pastaia e della panificazione; una normativa di riferimento per la contrattualizzazione delle varie fasi della filiera; azione formativa ed informativa verso i
consumatori".

bas 02

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio