Comitato terre joniche, riprende la mobilitazione

punti apici 02/09/2016
ore 19:17
punti
AGR

AGR "Tre gli argomenti della Conferenza stampa indetta dal Comitato TerreJoniche a Montescaglioso in Piazza Roma stamattina alle ore 11: l'annuncio di una serie di iniziative nei 4 comuni Lucani e in quelli Pugliesi interessati dai Provvedimenti del Governo che stanzia fondi per i danni subiti dai privati nel 2013 (con l'apertura di uno sportello di assistenza alle domande preceduto da assemblee divulgative secondo un calendario reso pubblico), la denuncia di come a fronte di risorse importanti per il 2013 non vi sia traccia di alcun finanziamento per l'alluvione del 2011 e la divulgazione del programma di iniziative della Festa delle TerreJoniche". E' quanto si legge in un comunicato stampa del Comitato Terre Joniche.
Alla Conferenza stampa tenuta in Piazza Roma sono intervenuti Katya Madio portavoce del Comitato e Gianni Fabbris che ha condotto fra il 2011 e il 2013 l'iniziativa del Comitato TerreJoniche in ccasione delle tre devastanti alluvioni che hanno colpito il territorio a cavallo fra la Puglia e la Basilicata.
Fabbris ha illustrato i contenuti di una lettera inviata ai due Presidenti di Regione di Puglia e Basilicata, a tutte le forze politiche lucane e pugliesi ed ai protagonisti istituzionali che nel 2011 condussero la battaglia e la mobilitazione per ottenere lo stato di Calamità dal Governo a seguito della devastante alluvione che provocò circa 350 milioni di euro di danni solo in Basilicata di cui almeno 40 milioni ai privati (aziende agricole, artigiane, commerciali e case di abitazione).
Fabbris ha ricordato come "l'alluvione del Primo Marzo 2011, in realtà, fu la prima in Italia che avvenne dopo che a Febbraio un provvedimento dell'allora Governo Berlusconi voluto dalla Lega Nord, abolì il fondo nazionale di solidarietà e impose quella che fu definita la "Tassa sulle disgrazie", ovvero la norma per cui ogni Regione doveva pagarsi i propri danni alzando al massimo le tasse regionali. In tanti reagirono anche alla luce del fatto che la Lega Nord al Governo del Veneto, aveva appena incassato a Gennaio gli ultimi soldi del fondo nazionale di solidarietà: 350 milioni di euro andati all'alluvione del Veneto di soli tre mesi prima. Fu una battaglia che vide insieme tutte le forze politiche lucane e Pugliesi (sia quelle della maggioranza che dell'opposizione), il Comitato TerreJoniche, i Comuni e le Istituzioni Regionali e fu grazie a quella iniziativa condotta dal Comitati di cittadini alluvionati con mesi di mobilitazioni, iniziative, denunce, scioperi della fame, manifestazioni che la Basilicata e la Puglia ottennero (uniche in quell'anno) la dichiarazione di stato di calamità finanziata con 15 milioni in Basilicata e 3,5 in Puglia. Per la Basilicata, però, nulla arrivò ai
privati: i 15 milioni che furono spesi (7,5 messi a disposizione dal Governo sulla finanziaria e 7,5 dalla Regione Basilicata) andarono solo alla messa in sicurezza di pochi argini e scomparvero ben presto a fronte di oltre 300 milioni di euro di necessità".
"Mentre tutti i cittadini e le istituzioni attendono ancora risposte per il 2011, l'annuncio di un provvedimento del Governo che attiva importanti risorse per il 2013 suona amaro e beffardo.
Esprimiamo un giudizio positivo sullo stanziamento per il 2013 che è una misura importante anche se non ancora risolutiva dei problemi aperti fra l'ottobre e il dicembre di quell'anno" dichiara Gianni Fabbris "ma pretendiamo le risposte anche per il 2011 e troviamo surreale, irresponsabile e pittoresco che l'alluvione del 2011 sia stata dimenticata". "In realtà" ha dichiarato Fabbris durante la Conferenza "non vi è alcuna dimenticanza ma solo un irresponsabile scaricabarile contando sulla disattenzione e la memoria corta ma, se la politica è disposta a mettere una pietra sopra, i cittadini e il Comitato no."
Annunciando una forte iniziativa nelle prossime settimane perchè già in sede della prossima legge di stabilità si rimedi alla beffa e si integrino le somme con risorse proporzianalmente pari a quanto stanziato in questi giorni, il Comitato Terre Joniche ha inviato una lettera ai parlamentari, alle forze politiche lucane e pugliesi, ai due presidenti di regione ed, in particolare, agli attori politici e istituzionali che nel 2011 si resero protagonisti della battaglia unitaria per ottenere le due dichiarazioni di stato di calamità, chiedendo loro "uno scatto d'orgoglio e di dignità come eletti delle comunità di Puglia e Basilicata".
In particolare il Comitato Terre Joniche si rivolge a Marcello Pittella ed a Michele Emiliano (ed ai parlamentari lucani e pugliesi) perchè si tenga un incontro con il Governo Nazionale per discutere del grave torto subito dalle comunità di Puglia e Basilicata e si trovi una soluzione per risarcire anche i danni del 2011.
Nei prossimi giorni, annuncia il Comitato TerreJoniche, la lettera sarà resa pubblica e sarà trasformata in una petizione popolare che sarà possibile sottoscrivere per far sentire con forza la voce dei cittadini e sarà posta a base della nuova fase di mobilitazione che si è aperta con oggi".
 bas04

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio