Caivano annuncia le dimissioni da segretario circolo Pd Picerno

punti apici 08/08/2016
ore 13:45
punti
AGR

AGRPubblichiamo, di seguito, la nota di Vincenzo Caivano, indirizzata al direttivo cittadino del corcolo Pd di Picerno e al segretario provinciale di Potenza del Partito Democratico, con la quale motiva le proprie dimissioni da segretario del circolo:

"Da mesi assistiamo quotidianamente a scenette politiche da avanspettacolo, a dichiarazioni da fantascienza, a bisticci e capricci da scuola dell’infanzia che tanti danni continuano ad arrecare alla comunità di Basilicata.
I teatrini del PD regionale, che vanno in scena da qualche tempo, stanno creando sfiducia in molti iscritti e simpatizzanti, compreso il sottoscritto che ha sempre svolto attività politica solo ed esclusivamente per passione, anteponendo in ogni circostanza l’interesse generale al proprio, com’è giusto che sia.
A Picerno, dopo aver consegnato il Comune al centrodestra per stupide beghe interne al centrosinistra, ci siamo rimessi al lavoro e con molta pazienza ed equilibrio poco più di due anni fa abbiamo riportato il centrosinistra al governo del paese. Io non mi sono candidato perché ho voluto far capire che la Politica viene prima di tutto e che il ruolo che mi era stato affidato era quello di costruire e mediare per riportare l’unità nel centrosinistra e superare i personalismi che tanti danni avevano creato alla comunità picernese. Il messaggio è stato recepito dai cittadini ed abbiamo stravinto le elezioni. In questi anni di amministrazione abbiamo ripreso a governare Picerno con competenza, lealtà ed onestà, con un centrosinistra coeso ed un circolo che conta 104 iscritti ed ha ripreso, tra numerose difficoltà, a cercare di fare Politica con la P maiuscola.
Oggi, purtroppo, non ce la faccio più, la gente mi associa ad un gruppo dirigente che sembra avere come preoccupazione principale la propria sistemazione mentre la Basilicata continua ad arretrare, scivolando sempre più in una crisi di sistema e di valori che non ha precedenti. Sto vivendo un profondo disagio perchè rappresento, seppur in una piccola comunità, un partito che non è più in grado di indicare una prospettiva alla gente lucana. Alle annunciate rottamazioni e rivoluzioni hanno fatto seguito comportamenti ed azioni all’insegna di una restaurazione conservativa, degna della peggiore Prima Repubblica. Basterebbe, invece, solo un po’ di buon senso, la gente non chiede altro. In virtù di queste brevi considerazioni ho convocato il Direttivo del circolo per rassegnare le mie dimissioni. Ho riflettuto tanto in questi giorni, perché la passione per la Politica è sempre stata una componente essenziale della mia vita, ma oggi non riesco a trovare le motivazioni per affrontare nuove sfide con il piglio giusto. Ho sempre creduto nella Politica del fare, come ama dire spesso il nostro Segretario nazionale, ed è per questo che non mi sento più di dedicare altro tempo ad un Partito regionale gestito da un immobilismo imperante. Spero che questo mio gesto estremo possa far riflettere chi di competenza sul grave danno che si sta facendo alla Basilicata e consentire con umiltà di riprendere a guardare oltre perché il popolo lucano merita un futuro migliore di questo anonimo presente.
Voglio, infine, ringraziare tutti coloro che mi hanno dato fiducia, mi hanno sostenuto ed hanno lavorato e collaborato per la realizzazione di tutte le iniziative che abbiamo svolto in questi anni".

Bas 05

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio