Sanita’: Confcommercio-Confindustria, serve ridisegno complessivo

punti apici 16/12/2015
ore 15:42
punti
AGR

AGRRipensare gli assetti del sistema salute garantendo – anche grazie ai Fondi Sanitari – una migliore compartecipazione alla spesa ed evitando che, al bisogno, questa incida fortemente solo su alcune fasce di popolazione in assenza di meccanismi di solidarietà e di mutualizzazione dei rischi. A sostenerlo sono Confcommercio e Confindustria che hanno  elaborato una loro proposta comune fortemente attuale – sottolinea il presidente Confcommercio Imprese Italia Fausto De Mare - in relazione alla nuova governance del sistema sanitario a cui sta lavorando il Governo Regionale e al IV Forum “Innova Salute” promosso da Sanità Futura a Matera per questo fine settimana su un insieme di tematiche che ci vedono doppiamente interessati (sul piano politico-confederale e su quello di rappresentanza di imprese del comparto sanità).
Per Confcommercio e Confindustria il Servizio Sanitario Nazionale andrebbe affiancato dallo sviluppo del secondo pilastro complementare, in una prima fase, attraverso dei nuovi meccanismi fiscali che consentano la canalizzazione della spesa sanitaria “cash” verso l’intermediazione dei fondi sanitari e, in una seconda fase, attraverso una loro progressiva apertura a tutti i cittadini, con l’esclusione della possibilità di selezione dei rischi e di differenziazione dei contributi a parità di copertura, secondo un sistema di community rating. L’importanza strategica di una riforma – a parere di Confcommercio e Confindustria - appare peraltro evidente se si considera che il welfare sanitario e la connessa filiera imprenditoriale di produzione e commercializzazione di beni e servizi, oltre a rappresentare una voce di costo del bilancio pubblico, resta anche un settore economico dal potenziale di crescita enorme considerato che vale l’11,5% del PIL e che si traduce in oltre 2,5 milioni tra addetti diretti ed indiretti. È inoltre uno dei settori economici a maggiore intensità di ricerca e sviluppo, coinvolgendo aziende medium e high tech in quantità che operano in rapporto e contatto diretto con centri di ricerca ed università.
La spesa sanitaria out of pocket degli italiani,  ovvero quanto le famiglie "scuciono" di tasca propria – sottolineano Confcommercio e Confindustria - cresce a un ritmo più che doppio rispetto a quella pubblica e solo negli ultimi cinque anni è aumentata dell'8%. Il peso che grava direttamente sui cittadini, inoltre, è   concentrato su un 40-50% della popolazione che praticamente non usufruisce delle strutture pubbliche. Se la spesa privata è oggi pari a circa 32 miliardi di euro (circa 530 euro pro capite, senza contare il sommerso) e visto che i fondi sanitari ne intermediano solo tra i 4 e i 5 miliardi, è evidente – per le due Confederazioni – che il grado di sostenibilità finanziaria complessiva del sistema sanitario va riducendosi e che va fatto qualcosa per evitare che il sistema sanitario vada "fuori mercato". La strada da imboccare è dunque quella di un ridisegno complessivo del sistema sanitario integrando la sanità pubblica di primo pilastro con una sanità complementare di secondo pilastro di tipo universalistico, capace di garantire una compartecipazione alla spesa più efficiente che permetterebbe anche di liberare risorse e stimolare nuovi investimenti e consumi. Confcommercio e Confindustria sono infatti convinte che la sanità complementare, messa in sinergia con la sanità pubblica, sia capace di stimolare l'efficientamento complessivo del sistema sanitario nazionale e di conseguenza regionale.

bas 02

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio