Sanità, approvato ddl per applicazione art. 14 legge 161/2014

punti apici 23/11/2015
ore 19:24
punti
AGR

AGRAl termine della riunione di maggioranza, presenti tutti e 13 i consiglieri regionali di centrosinistra, la Giunta regionale di Basilicata ha approvato un disegno di legge contenente disposizioni urgenti per l’applicazione dell’articolo 14 della legge 30/10/2014 n. 161. La norma si è resa necessaria per assicurare la continuità nell’erogazione dei servizi sanitari, dei Livelli Essenziali di Assistenza (LEA) e l’ottimale funzionamento delle strutture sanitarie alla luce di quanto disposto dall’articolo 14 della legge 30/10/2014 n. 161. Ed in particolare per il rispetto del termine perentorio del 25/11/2015 entro il quale adottare provvedimenti legislativi atti ad evitare provvedimenti, da parte delle singole strutture sanitarie lucane, che nel variare l’organizzazione e il funzionamento della maggior parte dei reparti ospedalieri, determinerebbero in molti casi l’impossibilità di garantire i volumi e le tipologie di attività attualmente erogati. Sulla scorta di queste considerazioni e nelle more di avviare un processo organico di ristrutturazione che tenga conto, da un lato, delle esigenze legate alla sostenibilità finanziaria dei processi in atto e, dall’altro, della necessità di venire incontro ai bisogni delle comunità interessate, scongiurando possibili tensioni di ordine sociale il presidente Pittella ha scritto al presidente del Consiglio regionale Lacorazza per chiedere una convocazione urgente dell’Assemblea regionale. La riunione, iniziata subito dopo le 14 in sala Verrastro, è andata avanti per circa tre ore. Vi hanno preso parte (assente l’assessore Franconi impegnata al tavolo nazionale romano) il direttore generale del Dipartimento Sanità Pafundi accompagnato dal dirigente Montagano, e i Direttori Generali Maglietta (San Carlo), Bochicchio (Asp), Quinto (Asm) e Cugno (Crob). fio

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio