Società energetica lucana, si è tenuto a Potenza l’Energy Day 2015

punti apici 18/11/2015
ore 13:40
punti
AGR

AGRLe attività di controllo e pianificazione svolte in favore di enti e privati, ma anche le novità sui finanziamenti nell’ambito delle azioni previste dai Piani Energetici Comunali (Paes), ed i risultati in termini di risparmio energetico nel settore pubblico sono stati al centro dell’Energy Info Day 2015, organizzato per il terzo anno dalla Società energetica lucana (Sel). L’iniziativa - che si è tenuta questa mattina a Potenza nella Sala Inguscio della Regione Basilicata - è stata anche l’occasione per presentare il software “SelBench”, realizzato dalla stessa Sel e che sarà messo a disposizione, gratuitamente, di tutti i soggetti pubblici convenzionati, con l’intento di “ottimizzare i processi di gestione delle bollette energetiche di energia elettrica e gas, ma anche di stilare una graduatoria energetica di tutti gli edifici e gli impianti di pubblica illuminazione”. “L’edizione di quest’anno dell’energy Info Day - ha detto l’amministratore unico di Sel, Ignazio Petrone - è stata incentrata sulle nostre attività di centrale di committenza e di pianificazione energetica. Abbiamo invitato le aziende, le società partecipate e gli enti in convenzione, per i quali facciamo anche monitoraggio dei consumi e controllo delle fatturazioni, per illustrare tutte le novità relative agli obblighi normativi e le opportunità di finanziamento a livello europeo e nazionale. La nostra - ha aggiunto Petrone - è un’attività ad ampio raggio, che contempla pure le varie azioni messe in campo nell’ambito del risparmio energetico per privati ed enti pubblici, a partire dalle operazioni sul fotovoltaico, sul minieolico, sull’energia sostenibile, fino agli interventi su aziende sanitarie e strutture ospedaliere. Tra le nostre attività ci sono anche quelle a supporto della Regione Basilicata, con la partecipazione ai diversi tavoli tecnici per il settore, con la collaborazione con il Dipartimento attività produttive e con l’ufficio Energia. Importante, tra l’altro - ha evidenziato - è stato il nostro contributo in occasione del bando regionale per il risparmio ed efficientamento energetico, per il quale sono arrivate ben 1114 domande”. Petrone ha poi spiegato che “nel 2015 le amministrazioni che si sono approvvigionate di energia attraverso le convenzioni della Sel sono state 70 per l’energia elettrica e 46 per il gas naturale”, mentre i risparmi diretti ottenuti a vantaggio del sistema pubblico regionale “negli ultimi tre anni hanno superato i cinque milioni di euro”. All’evento sono intervenuti alcuni componenti dello staff della Sel, fra cui Francesca Leone, che si è soffermata “sugli obblighi normativi della pubblica amministrazione in fatto di approvvigionamenti energetici”, Giuliano Sarricchio, che ha illustrato “il nuovo software per il monitoraggio e per la gestione dei consumi energetici”, Angelo Pepe, che ne ha spiegato le possibili applicazioni nell’ambito del controllo dei Paes” e Michela Pinto, la cui relazione è stata incentrata su Patto dei Sindaci e relative possibilità di finanziamento. “Il Patto dei Sindaci - ha evidenziato - è un’iniziativa europea che ha l’obiettivo di far sì che tutti gli enti locali elaborino un piano energetico per abbattere almeno del 20 per cento, entro il 2020, le emissioni climatiche, fra cui il Co2. In realtà - ha spiegato la Pinto - questo strumento sta per essere superato, dal momento che presto il riferimento sarà il Mayors Adapt, un nuovo documento internazionale che ha l’obiettivo di raggiungere un adattamento ai cambiamenti climatici ed una riduzione del Co2, entro il 2030, che arrivi al 40 per cento. Attraverso l’operato della Sel - ha evidenziato - i 64 comuni convenzionati hanno già superato la soglia del 30 per cento in meno di emissioni. Adesso bisognerà captare tutte le opportunità di finanziamento, che premiano principalmente gli enti che hanno redatto un Paes. Tra queste ci sono le risorse messe a disposizione dalla Comunità europea attraverso l’Asse 4 Energia e Mobilità urbana, ma anche gli incentivi nazionali previsti dal Conto Termico o i contratti di rendimento energetico”.

BAS 05


Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio