Uil: incremento spesa sanità non aumenta servizi anziani

punti apici 06/10/2015
ore 16:03
punti
AGR

AGR“L’aumento della spesa sanitaria accertata da Agenas come quello del ticket per le prestazioni  cresciuto del 26 per cento in sei anni sono le due facce della medaglia dell’inadeguatezza del servizio sanitario che si ripercuote soprattutto sugli anziani e sui malati cronici che hanno più bisogno di cure, medicine e presidi sanitari”. E’ quanto sostiene la Uil Pensionati in una nota a firma del segretario regionale Vincenzo Tortorelli che rilancia la vertenza “tutela della salute degli anziani”. Nel 2014 la spesa sanitaria è cresciuta dello 0,89 per cento rispetto al 2013. A incidere maggiormente sui costi sono stati i prodotti farmaceutici ed emoderivati (+7,09%), i dispositivi medici (3,41%), nonché le manutenzioni e le riparazioni (+5,62%). Il dato è contenuto nello studio dell'Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas) che ha pubblicato l'ultimo aggiornamento dei dati sulla spesa sanitaria nazionale e regionale relativi al periodo 2008-2014. Dove emerge che la sanità è sempre di più a carico dei cittadini.
Tortorelli evidenzia che “la prevenzione salva vite umane ed evita lo spreco di importanti risorse economiche. Per ogni miliardo investito in questo settore se ne risparmiano tre per esami, cure e riabilitazione in dieci anni. Le malattie non trasmissibili in Italia sono infatti responsabili di 9 decessi su 10 e rappresentano l’80 per cento della nostra spesa sanitaria italiana. All’intera collettività le patologie cardiovascolari costano 16 miliardi l’anno, i tumori 6 miliardi, i disturbi respiratori cronici invece 14. Obesità e diabete richiedono al sistema sanitario rispettivamente 11 e 5 miliardi per controlli e terapie. Nel prossimo decennio più del 7 per cento degli uomini del nostro Paese correrà il rischio di avere una malattia cardio-vascolare. Tra le donne sono invece le patologie più diffuse mentre quelle respiratorie croniche colpiscono oltre 7,5 milioni di persone di entrambi i sessi. Sono diabetici e obesi il 6 per cento e il 10 per cento della popolazione adulta. Patologie diverse ma che presentano gli stessi principali fattori di rischio: fumo, sedentarietà, dieta squilibrata, abuso di alcol, utilizzo di sostanze nocive come doping e droga. Per combattere questi comportamenti scorretti serve una vera e propria rivoluzione culturale”.
Per la Uilp “la prevenzione è la migliore arma a nostra disposizione per risparmiare e salvaguardare l’intera società. Preservare la salute dei nostri sessantenni e settantenni significa anche contribuire alla produttività di un Paese sempre più “vecchio”. Se l’adozione dei veri costi standard non nasconde obiettivi celati ma si traduce in responsabilità e trasparenza, qualità ed efficienza, non possiamo che essere favorevoli ed anzi incoraggiarne l’inserimento nella prossima legge di stabilità.  Si può e si deve omogeneizzare l’indirizzo sulle politiche della Salute, superando le nette e dannose differenze tra i 21 sistemi sanitari regionali e le relative disparità di accesso dei cittadini ai percorsi di assistenza e cura. E, certamente, l’adozione dei costi standard rappresenta un’apprezzabile strada in questa direzione, in grado, peraltro, di generare un significativo recupero di risorse male utilizzate. La Uil è sempre dalla parte della lotta agli sprechi e all’improduttività. Ma occorre, tuttavia, essere chiari sin da subito: i risparmi ottenuti devono essere reinvestiti nelle medesime politiche della salute, aggredendo le disuguaglianze e sostenendo l’equità”.

bas 02

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio