Wwf Basilicata su ddl di riforma Arpab

punti apici 27/07/2015
ore 15:30
punti
AGR

AGRIl Wwf di Basilicata  esprime in una nota “il proprio disappunto sul disegno di legge di riforma dell’Arpab liquidato mercoledì scorso dalla Terza commissione consiliare della Regione Basilicata, in quanto non sembra allineato con il disegno di legge nazionale di riforma delle agenzie ambientali, né sembra garantire quella imparzialità e terzietà dall’Ente Regione presupposto fondamentale per dare certezza ai cittadini”. L’organizzazione ambientalista spiega inoltre che “è attualmente in discussione al Senato della Repubblica, dopo essere già stata approvata dalla Camera, una proposta di legge che istituisce il “Sistema Nazionale della Protezione Ambientale”, nel quale confluiscono l’Ispra e le Agenzie regionali di protezione dell’ambiente, finalizzata a riformare l’organizzazione attuale e renderla più efficiente. Se il disegno di legge -prosegue il Wwf - sarà approvato in maniera definitiva dal parlamento, ed è probabile che ciò avvenga a breve, le regioni avranno 180 giorni per adeguare le normative regionali alle legge nazionale. In questo quadro non si capisce la fretta del legislatore regionale nel mandare avanti un provvedimento di legge che da qui a qualche mese dovrà essere rivisto e quasi sicuramente modificato e che potrebbe presentare anche  profili di incostituzionalità”. Per tali ragioni, il Wwf chiede al Consiglio regionale di non approvare il ddl ed attendere la normativa nazionale, per poi giungere ad una legge che dia il via ad una nuova ARPAB, inserita nel Sistema Nazionale, che possa veramente svolgere il suo ruolo di prevenzione, di monitoraggio, di controllo delle fonti di inquinamento, di coordinamento degli interventi per la tutela della salute e dell’ambiente con efficienza ed imparzialità”.

bas 02

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio