La Regione apre alla manutenzione dei fiumi, benefici alle imprese

punti apici 11/04/2015
ore 12:33

Berlinguer: urgente manutenere i nostri fiumi; giusto incentivare le imprese ad aiutarci

punti
AGR

AGRNel corso della seduta di ieri della Giunta regionale, è stata approvata la delibera che approva l’avviso pubblico per l’acquisizione delle manifestazioni di interesse per l’esecuzione degli interventi di manutenzione ordinaria degli alvei dei fiumi: Basento, Agri, Sinni, Bradano, Cavone e Noce e dei loro affluenti. Ciò al fine di ripristinare l’officiosità dei corsi d’acqua del demanio idrico. Già approvati anche lo Schema del Bando per raccogliere le manifestazioni di interesse e lo Schema di Concessione del servizio, da formalizzare con le societá selezionate.
Dietro sollecitazione dell'Assessore Berlinguer, molti gli incontri dei Dirigenti degli Uffici regionali per arrivare a questo risultato. Le eccezionali avversità atmosferiche che si sono verificate sul territorio regionale nel corso delle ultime stagioni, hanno infatti causato fenomeni di eccessivo accumulo di inerti o, al contrario, escavazione ed erosione del fondo dei fiumi e delle sponde, in molti tratti di essi. Questi eventi straordinari hanno provocato, in molti casi, occlusione e quindi esondazioni con conseguenze non indifferenti per le aree limitrofe ai corsi d'acqua. Infatti, sono state danneggiate colture e infrastrutture di livello provinciale e nazionale.
L’Ufficio Difesa del Suolo della Regione Basilicata ha così programmato un’attività di ripristino dell’officiosità dei corsi d’acqua mediante il coinvolgimento dell’imprenditoria di settore, con la rimozione del materiale (ciottoli e ghiaia) che, accumulatosi negli alvei dei fiumi, impedisce il normale deflusso delle acque e con il taglio e rimozione degli arbusti, cespugli e alberi dagli alvei.
Sia il materiale litoide che quello legnoso verranno concessi alle societá interessate ai lavori di manutenzione ordinaria e al ripristino dell’officiosità a compensazione dell’attività manutentiva. Le quantità di asporto dovranno attenersi alle perizie dell’Ufficio Difesa del Suolo. Oltre a questo, le societá esecutrici dovranno rispettare il progetto di sistemazione idraulica; eseguire i lavori senza danneggiare le sponde dei corsi d’acqua interessati; non potranno inoltre rimuovere materiale al di sotto della quota della portata di magra.
Infine, gli imprenditori che eseguiranno i lavori saranno responsabili anche dello smaltimento eventuale dei rifiuti prodotti dall’attività stessa e di segnalare anche i rifiuti rinvenuti durante le operazioni; saranno obbligati ad utilizzare, per la conduzione dell’intervento e l’accesso ai corsi d’acqua, esclusivamente sentieri e piste preesistenti; dovranno, infine, iniziare i lavori entro 60 giorni dalla stipula della concessione e consegnarli a seguito dell’ultima perizia sullo stato dei luoghi, da parte dei tecnici regionali.
“Gli eventi atmosferici dell’ultimo periodo mi hanno molto preoccupato – ha affermato l’Assessore all’Ambiente Aldo Berlinguer. Abbiamo quindi lavorato senza sosta per trovare possibili soluzioni nell’immediato. I fenomeni naturali sono sempre più impattanti sui nostri territori e sulle nostre comunità. Ma le risorse pubbliche scarseggiano. Per questo ci siamo concentrati su un meccanismo semplice ed efficace: concedere a chi lavora gli immediati benefici che produce, evitando procedure burocratiche lunghe e tortuose. Il territorio lucano non può più attendere. Dobbiamo fare presto”.
bas 03

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio