Mariani su accertamenti sugli appalti del Comune di Muro Lucano

punti apici 02/03/2015
ore 18:15
punti
AGR

AGR“Nutro rispetto per l’operato di Raffaele Cantone e del pool anticorruzione ma sono certo che tutte le verifiche del caso, serviranno solo a prendere atto dell’esemplare comportamento di quest’amministrazione così come già altri organi di controllo hanno fatto”. Così il sindaco di Muro Lucano Mariani che riassume alcune disposizioni normative di carattere regionale. “Nello specifico, alle modifiche introdotte dall’art. 27 della legge regionale n°6 del 2.02.2011 che ha abrogato il modello di governo del sistema di gestione dei rifiuti incentrato sull’Autorità d’Ambito, sostituito dalla conferenza Interistituzionale di gestione dei rifiuti che si compone dei 131 comuni ricadenti nell’unico ATO rifiuti Basilicata, dalle province di Matera e Potenza e dalla Regione stessa. A partire dall’avvio della procedura di assegnazione del servizio di raccolta, l’amministrazione ha ottenuto il placet della Regione Basilicata per la realizzazione di progetti pilota con lo strumento degli accordi volontari. Uno strumento, quest’ultimo, al quale l’amministrazione fa ricorso spesso secondo l’anticorruzione ma comunque concesso dalle vigenti normative. Tuttavia, l’amministrazione Mariani, ha adottato la procedura degli accordi volontari anche perché rafforzati dal D.Lgs 22/97 (Decreto Ronchi) che invitava ad affrontare il tema rifiuti proprio attraverso tali accordi. L’amministrazione l’ufficio tecnico fanno fronte comune, evidenziando come le modalità di pubblicizzazione dei progetti pilota siano stati efficaci al punto che alla data di scadenza vi erano complessivamente ben 73 manifestazioni d’interesse provenienti da tutta Italia a riprova della capillare ed estesa partecipazione di evidenza pubblica. La procedura di accordo volontario è stata adottata per il raggiungimento di un obiettivo pubblico tangibile, innovativo ed economicamente vantaggioso per la collettività. Un’approfondita relazione dell’Architetto Francesco Cristiano, spiega dettagliatamente l’iter che ha portato all’assegnazione del servizio di raccolta porta a porta, che oggi vede Muro Lucano tra i primi comuni visti i numeri che la vedono sfondare l’80% di raccolta. Ed a proposito di numeri, il sindaco Mariani rimarca i risultati raggiunti nella sua città: “E’ stata un’operazione che ci ha portato ad ottenere un risparmio di circa trecentomila euro per le casse comunali, un esempio in tempi di forte spending review. Senza dimenticare che la raccolta porta a porta ha implicato la creazione di venti posti di lavoro e soprattutto al blocco della tassa dei rifiuti per nove anni. La pulizia della città è esemplare – sottolinea Mariani – come ci riconoscono cittadini e turisti”.

bas 03

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio