Comune Pz,Galella e Giuzio (FdI) su raccolta differenziata

punti apici 07/10/2014
ore 13:01
punti
AGR

AGR "Il Consigliere comunale di Potenza del PD, Gianpaolo Carretta, in questo difficile momento per la Città, le cui responsabilità sono da addebitare unicamente alla sua parte politica, invece di preoccuparsi di come contribuire a salvare il Comune da una vera e propria “bancarotta”, continua a parlare di neri e di rossi, a dividere su vessilli piuttosto che ad unire." Lo evidenziano i consiglieri comunali di Fratelli d'Italia Galella e Giuzio che aggiungono "e, come se non bastasse, come lo fa? Dimostrando poca conoscenza dei fatti e addirittura dei luoghi che interessano le vicende del sistema di raccolta differenziata e del centro di trasferenza comunale: continua ad intervenire come se fosse arrivato ieri ad amministrare la Città di Potenza.E, allora, veniamo alle verità.Sulla raccolta differenziata si dovrebbe fare uno dei tanti mea culpa: è vero o non è vero che per circa tre anni l’amministrazione di centrosinistra ha avuto in mano oltre 5 milioni di euro, non solo senza avviare la raccolta differenziata, ma addirittura senza spendere un centesimo di quei soldi per l’avvio di indispensabili procedure?E’ vero o non è vero che, talmente tanto è stato il lassismo della precedente Amministrazione comunale, che ha fatto scadere finanche il protocollo d’intesa sottoscritto con il Conai? E’ vero o non è vero che l’attuale Amministrazione comunale, in soli tre mesi (tra i quali la pausa estiva), ha fatto più di quanto i predecessori abbiano fatto in dieci anni? E’ vero o non è vero che solo e soltanto con l’Amministrazione De Luca sono state avviate e predisposte le gare di appalto che avrebbero dovuto essere espletate almeno due anni fa? E’ vero o non è vero che nei prossimi giorni l’Amministrazione De Luca dovrà sottoscrivere nuovamente il protocollo d’intesa Conai, quale presupposto imprescindibile per l’avvio del progetto della differenziata? È vero o non è vero che la precedente Amministrazione comunale ha accumulato debiti su debiti con Acta e con i monopolisti del settore, senza nemmeno scongiurare il disastro che periodicamente si è visto per le strade?E, venendo al centro di trasferenza, intanto vogliamo ricordare che non si trova a Pallareta, ma in località Vallone Calabrese, presso l’ex inceneritore.Anche a tal proposito -continuano- le chiacchiere sono state sostituite con i fatti: in men che non si dica è stata pianificata ufficialmente una strategia progettuale con Regione e Provincia sul da farsi; si avrà un finanziamento a fondo perduto in luogo di un fondo di rotazione lasciato in eredità e pure scaduto. Ma, soprattutto, è stato apposto il marchio dell’Amministrazione De Luca non con intenti o con belle parole, ma con atti: si è dato ufficialmente avvio alla procedura per la messa in esercizio del centro di trasferenza, quale primo step di una più ampia progettualità strategica e di lodevole qualità.Se volgiamo il capo al passato di tutto questo non c’è traccia: fumose intenzioni, rimaste tali.E per chiarire ancor di più le idee evidenziamo anche che sulla discarica di Pallareta, in soli tre mesi, abbiamo proceduto all’espletamento della gara di appalto per la sua messa in sicurezza, intervento prodromico rispetto alla caratterizzazione del sito".

bas 02
 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio