Corte d’Appello, Confapi: chiusura un danno per la Basilicata

punti apici 27/08/2014
ore 18:26
punti
AGR

AGR“L’eventuale soppressione della Corte d’Appello di Potenza comporterà un danno enorme per la Basilicata”. Questa è l’opinione di Enzo Acito, presidente di Confapi Matera, che ha inviato una nota al ministro della Giustizia Andrea Orlando per evidenziare i rischi che una decisione siffatta comporterebbe per una regione che già sconta innumerevoli altri svantaggi.
“La chiusura della Corte d’Appello – afferma Acito - avrebbe anche effetti consequenziali come la chiusura di altri uffici connessi, con un enorme disagio per i cittadini e gli operatori del diritto che sarebbero costretti a recarsi fuori regione.
Infine, la soppressione della Corte d’Appello priverà la Basilicata di un presidio per l’amministrazione della giustizia di cui si avverte, invece, fortemente il bisogno.
Prima la Telecom, l’Enel, l’Italgas, la Banca d’Italia in provincia di Matera, poi la Sezione distaccata di Pisticci del Tribunale, probabilmente le Province e le Camere di Commercio; a quando l’abolizione della Regione per completare la spoliazione di un territorio sempre meno rispettato?”
Per il presidente di Confapi “non è tagliando i servizi che si effettua un’efficace revisione della spesa e si ottengono risparmi significativi; anzi così facendo spesso i costi aumentano e l’illusione momentanea di un risparmio si tramuta nella realtà stabile di un aggravio di costi. Tagliare sì, ma con giudizio”.
Enzo Acito ritiene che non si possa ridurre tutto “ad una questione di risparmio economico”, ma che “si deve tenere conto anche del rispetto e della considerazione di una popolazione che, di questo passo, non avrà più riferimenti istituzionali concreti sul proprio territorio”.

bas 02

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio