Brienza, domani Pietro Pace presenta “bar senza slot”

punti apici 11/08/2014
ore 12:22
punti
AGR

AGRStorie sul gioco d’azzardo tra ossessione e resistenza. Approda a Brienza la battaglia contro le macchinette mangia soldi, quelle legali e quelle illegali.
L’ultima iniziativa contro le macchinette è quella dell’informatico in una web agency di Milano, Pietro Pace, originario di Lagopesole che, domani sera (12 agosto), alle 20, in piazza Unità di Italia a Brienza, presenterà “Vivere senza slot” alla presenza della referente dell’ufficio cooperazione internazionale della Provincia di Pavia nonché coautrice del libro, Paola Alessia Schintu e del sindaco, Donato Distefano. Coordinerà i lavori, Giovanni Ferrarese.
“La crisi colpisce duro anche nel cuore della ricca e alacre Lombardia e Pavia, da “Oxford sul Ticino” diventa “Capitale italiana delle slot machine”. Quattro trentenni – è scritto in una nota - un po’ per esperimento, un po’ per attivismo, fondano il Collettivo Senza Slot e si occupano della questione usando gli strumenti e i linguaggi dei social network e delle lotte giovanili. Due di loro sono informatici e creano un sito www.senzaslot.it che mappa dal basso i bar senza macchinette mangiasoldi. In pochi mesi arrivano quasi 2000 segnalazioni da tutta Italia ed il Collettivo comincia a chiedersi quali siano gli interessi che muovono la grande macchina mangia uomini. Senza slot diventa un fenomeno mediatico: compare sui giornali, radio e televisioni. Dà vita, il 18 maggio 2013 a Pavia, una manifestazione nazionale di protesta. Contribuisce a fare rete tra chi è impegnato nella lotta contro il gioco d’azzardo: Libera, la Comunità di S. Benedetto al Porto di Genova ed il Nuovo Cinema Palazzo a Roma. A questo punto la lobby del gioco d’azzardo legalizzato prende le contromisure: presenta un esposto che accusa il collettivo di essere dei terroristi. La risposta del Collettivo è questo libro. Uno spazio di riflessione e di controinformazione – prosegue la nota - che dà la parola a voci diverse. Il risultato è u esperimento di scrittura collettiva che combina registri e forme diverse e finisce per usare il gioco d’azzardo come pretesto per gettare uno sguardo obliquo sulla nostra società. E, magari, provare a cambiarla”.
“Vogliamo avere un approccio radicale, non siamo in contrapposizione ai manifesti cattolico-buonisti, vogliamo dare voce a chi ha deciso di non mettere le slot nei bar Non volgiamo boicottare nessuno. Ma visto che il target di queste macchinette è la povera gente – spiega Pietro Pace - noi vogliamo schierarci da questa parte”. Ora Feder, tra i fondatori del Movimento No Slot, chiede al consiglio regionale lombardo che uscirà dalle urne una legge: “Bisogna dare la possibilità ai sindaci di porre un freno alla piaga del gioco d’azzardo. E’ un problema etico morale e culturale, poi diventa sanitario. E riguarda tutti, perché schiavizza le famiglie. Ora sta drammaticamente crescendo il gioco d’azzardo on line. Lo scorso anno sono stati spesi 15 miliardi, quest’anno saranno almeno 18”.


Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio