Ticket, Cgil, Cisl e Uil: miglioramento, no a cattiva informazione

punti apici 01/07/2013
ore 18:39
punti
BAS

BAS"Da oggi è in vigore il nuovo sistema dei ticket, con la soppressione per tutti del ticket aggiuntivo per le prestazioni diagnostiche e specialistiche e con una nuova classificazione dei cittadini che potranno essere o esentati anche dal ticket per la farmaceutica (se ricompresi tra malati cronici, affetti da patologie invalidanti o rare, ecc. come da elenco disponibile su internet o presso tutti i medici competenti) o pagare un euro o due in funzione del reddito. Il miglioramento è evidente, avendo costruito un sistema di benefici sia in funzione di garantire cura e prevenzione per tutti, sia di esentare le popolazioni più deboli. Per questo facciamo appello perché cessi una cattiva informazione, che potrebbe apparire tesa a non far partire il nuovo sistema (un appello prima di tutto ai medici e ai farmacisti che sappiamo faranno la loro parte, invitando ad auto certificare e dando tutte le informazioni necessarie ai loro pazienti), perché si azzeri ogni strumentalizzazione che potrebbe essere volta solo a creare confusione. Come Cgil, Cisl e Uil invitiamo tutti i soggetti interessati a sostenere questa riforma, a spiegarla bene, a partire dai soggetti più deboli come i malati cronici o i pensionati, che per mesi hanno rinunciato a farsi visitare per via dei costi eccessivi. Come Sindacato faremo la nostra parte - dichiarano i Segretari Generali di Cgil, Cisl e Uil, Genovesi, Falotico, Vaccaro - informeremo come sempre i nostri iscritti, i disoccupati, i pensionati, i tanti soggetti che beneficeranno concretamente del nuovo sistema, che potranno rivolgersi alle nostre sedi di patronato distribuite sul tutto il territorio regionale, le quali sono a completa disposizione, ciò anche per evitare quella confusione, che vogliamo sperare non sia mossa da interessi specifici o di parte".

BAS 05


Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio