Apicoltura, approvato bando per ammodernamento sale smielatura

punti apici 25/05/2013
ore 14:18

Il provvedimento favorisce interventi per migliorare le strutture e il processo produttivo.

punti
AGR

AGRApicoltori singoli o associati potranno ammodernare le sale smielatura e i locali per la lavorazione dei prodotti apistici con un investimento massimo di 20 mila euro. E’ quanto prevede un bando per il sostegno dell’apicoltura approvato dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Nicola Benedetto. Le risorse finanziarie complessive stanziate dal bando ammontano a circa 105 mila euro. Per presentare le domande è necessario possedere almeno di cinquanta alveari dichiarati ai servizi veterinari, essere titolari del laboratorio di smielatura, essere iscritti all'albo regionale degli apicoltori al 31 dicembre 2012 e al registro delle imprese agricolo della Camera di Commercio, essere registrati alla banca dati dell’anagrafe zootecnica di Teramo e nel fascicolo aziendale. Oltre all’ammodernamento delle sale di smielatura e dei locali per la lavorazione e il confezionamento dei prodotti apistici possono essere finanziati i costi di progetto e l’acquisto: di attrezzature e impianti, dei sistemi informatici. Saranno ammesse solo le spese sostenute successivamente alla data di presentazione della domanda di aiuto. Per gli investimenti sono previsti due massimali di aiuto: 50 per cento nelle zone svantaggiate, elevato al 55 per i giovani apicoltori e 40 per cento nelle altre zone (elevato a 45 per cento per i giovani). Le zone svantaggiate sono quelle delimitate ai sensi della direttiva comunitaria 75/268 con riferimento all’ubicazione del centro aziendale dell’impresa o in sua assenza alla residenza dell’apicoltore. Le domande di aiuto dovranno essere presentate on line entro novanta giorni dalla data di pubblicazione del bando sul Bollettino ufficiale della Regione. Tra i criteri di priorità per la formazione della graduatoria: la produzione di miele biologico certificato ed etichettato, un’età compresa tra i 18 e i 40 anni e il numero di alveari posseduti. “Con questo bando -commenta l’assessore Benedetto- abbiamo voluto offrire agli apicoltori un’opportunità per ammodernare le strutture logistiche e allo stesso tempo per migliorare la qualità del prodotto finito Con questo provvedimento abbiamo voluto sostenere – continua l’assessore all’Agricoltura - un settore che in Basilicata fa registrare un segnale positivo ed è in continua crescita. Il miglioramento dal punto di vista tecnologico del processo produttivo – osserva Benedetto - garantisce inoltre i consumatori finali nell’acquisto di un alimento sano, tracciato e salutare. Un incentivo in più – conclude l’assessore – è riservato ai giovani per invogliarli a investire in agricoltura e a contribuire alla crescita di un settore vitale per lo sviluppo della Basilicata”.
dem

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio