Comune Pz, Becce su pressione fiscale

punti apici 05/04/2013
ore 19:40
punti
BAS

BAS“In attesa di una decisione certa da parte del Governo sulla Tares, i cittadini italiani continuano a vivere in un clima preoccupante ed in molti casi drammatico. Per molti lo slittamento a dicembre della Tares non basta perché i 30 centesimi in più al metro quadro che si andranno a pagare a fronte di “servizi vari” si avvicinano ad una mini patrimoniale (da aggiungere all’Imu)".
Così il consigliere comunale del Pdl Nicola Becce che aggiunge “di quest’idea sono soprattutto le aziende e i Comuni, anche perché gli aumenti dell’imposta andranno a finire nelle casse dello Stato. Per fare due conti il passaggio da Tia e Tarsu a Tares costerà al cittadino, in media, 45,75 euro in più, una batosta di 421 euro (solo come aumento della tassazione) per il 2013, tra aumento dell’Iva, Tares e addizionali territoriali. Tornando alla Tares, la questione non riguarda solo il suo slittamento, ma anche il suo “ammontare”: l’aggravio di 30 centesimi a metro quadro è previsto per una serie di servizi “indivisibili” (illuminazione e manutenzione strade, ecc.). E’ necessario prevedere forme di “compensazione sociale” per i bassi redditi o per situazioni particolari in cui siano sopraggiunte mobilità, disoccupazione, particolari condizioni di difficoltà, stante il crescente fenomeno della morosità e/o insolvenza, E’ auspicabile – aggiunge- infine che i nuovi piani tributari per il servizio di raccolta dei rifiuti solidi urbani ed i relativi regolamenti siano oggetto di confronto con le associazioni dei consumatori, così come le carte dei servizi la cui applicazione è obbligatoria in tutti i comuni per fornire un servizio migliore, più trasparente ed improntato al rispetto e coinvolgimento dei cittadini".
bas 02
 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio