Ordine professioni infermieristiche, a Matera un incontro

punti apici 15/05/2019
ore 18:56
punti
BAS

BAS“È un aforisma che richiama lo spirito che ha caratterizzato l’incontro tenutosi presso l’Ordine delle Professioni Infermieristiche (OPI) di Matera e voluto fortemente dalla presidente Vita Spagnuolo. “L’obiettivo dell’incontro, come dichiarato nella lettera di invito rivolta ai segretari Provinciali delle sigle sindacali Cgl, Cisl, Uil e Fials ed al dirigente delle Professioni Sanitarie della Asm di Matera Dott. Petrara Vito che hanno partecipato - si legge in una nota - è stato quello di instaurare un confronto costruttivo tra i partecipanti e che ha individuato azioni concrete volte all’istituzione del Dipartimento delle Professioni Sanitarie e Sociali. Tutti gli intervenuti hanno concordato che non è più possibile procrastinare una reale valorizzazione delle Professioni Sanitarie Infermieristiche impegnate da sempre e con competenza nella risposta ai bisogni di salute dei cittadini. L’ormai nota Legge Regionale 5 febbraio 2010, n. 13 istituisce i Servizi delle Professioni Sanitarie Infermieristiche, Ostetriche, Riabilitative, Tecnico Sanitarie e Tecniche della Prevenzione e delle Professioni Sociali, all’ Art. 1 enuncia: la Regione Basilicata........(omissis). promuove la valorizzazione delle funzioni e del ruolo delle Professioni Sanitarie descritte dalla legge 10 agosto 2000, n. 251, “Disciplina delle professioni sanitarie infermieristiche tecniche, della riabilitazione, della prevenzione nonché della professione ostetrica … al fine di contribuire alla realizzazione del diritto alla salute, al processo di aziendalizzazione nel SSN, all'integrazione socio-sanitaria ed all'armonizzazione dell'organizzazione del lavoro nella Regione Basilicata con quella delle altre Regioni italiane e degli altri Stati dell'Unione Europea. Pertanto gli obiettivi di salute e programmazione sanitaria regionale, non possono non prevedere l’introduzione e applicazione di nuovi modelli organizzativi e che vedono protagonisti indiscussi gli infermieri (ospedali organizzati per intensità di cura, ospedali di comunità, ambulatori a gestione infermieristica, infermieri di famiglia, case della salute, Chronic Care Model ecc.) in grado di assicurare risposte unitarie a bisogni di salute della collettività. L’incontro si è concluso con l’impegno futuro da parte di tutti i partecipanti e dell’OPI di Matera, (ente pubblico che agisce quale organo sussidiario dello Stato al fine di tutelare gli interessi pubblici, garantiti dall’ordinamento, connessi all’esercizio professionale), di impegnarsi e sostenere ad ogni livello di comunicazione e contrattazione l’attuazione di leggi regionali esistenti da anni ma disattese nella loro reale applicazione”.
 

Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio