Matera2019, con Modena un programma per coltivare la cultura

15/03/2019 16:20

BASCon una conferenza stampa svoltasi questa mattina nella sede della Fondazione Matera Basilicata 2019 si è aperto il programma “Città resilienti. Dialoghi filosofici tra Modena e Matera” che prevede incontri aperti al pubblico, laboratori per bambini, mostre d’arte e degustazioni di prodotti tipici. L’iniziativa nasce dalla collaborazione fra la Fondazione Matera Basilicata 2019, il Comune di Matera, il Comune di Modena, il Consorzio FestivalFilosofia, la Fondazione Collegio San Carlo di Modena.
Tra gli appuntamenti di questa tre giorni, interamente dedicata alla collaborazione tra Matera, Modena e alcuni comuni della sua Provincia, spiccano i workshop di filosofia per educatori, per bambini, per ragazzini, organizzati con la Fondazione Collegio San Carlo di Modena.
Il dono che il vicesindaco di Modena ha offerto all’assessore materano alla Cultura Giampaolo D’Andrea e al presidente della Fondazione Salvatore Adduce è la Bonissima, la statua simbolo della città che rappresenta la misura giusta e generosa.
Donata una grande opera (4 metri in ferro) dello scultore di Fanano, Giovanni Bellettini, Dialogo con l’assoluto, che sarà inaugurata domani, 16 marzo, in via Dante.
“Con le tre giornate dedicate a Modena – ha concluso Verri – comincia la nostra primavera, che ci vedrà organizzare 300 eventi fino a giugno, il meglio del cartellone in Italia e anche in Europa. Ma i numeri già ci danno ragione: ventimila passaporti e centomila presenze, 270 milioni di contatti sui vari strumenti di comunicazione, oltre trecentomila utenti unici sul nostro calendario ufficiale, la piattaforma Materaevents.it”.
Fra gli ospiti più importanti Roberto Esposito (16 marzo, Casa Cava, ore 18), Nathalie Heinich (17 marzo, ore 10.30, Casa Cava) e Stefano Micelli (17 marzo, Casa Cava, ore 12).





Cerca una notizia

(gg/mm/aaaa)

(gg/mm/aaaa)

ACR AGR BAS ESR

dalla più recente dalla meno recente

Cerca nell'archivio