Segnala ad un amico stampa

Furti a Avigliano, interviene il sindaco

12/01/2018 17:30

BAS"L’intensificarsi di furti e fenomeni criminosi sui nostri territori, bersagliati ormai da tempo di incursioni di malviventi provenienti spesso da fuori regione, ha ingenerato nei cittadini un clima di preoccupazione e di ansia, che ormai rischia di assumere i contorni dell’allarme sociale, come già più volte segnalato".
Lo afferma, in un comunicato stampa, il sindaco di Avigliano, Vito Summa.
"Già a partire dal novembre scorso - continua la nota - è stato avviato un tavolo di consultazione con i Comandanti delle Stazioni dei Carabinieri di Avigliano Centro e di Lagopesole, con il Corpo dei Vigili Urbani ed i vertici delle forze dell’ordine, per monitorare un fenomeno cresciuto oltre ogni ragionevole sopportazione, chiedendo maggiori e più efficaci attività di presidio e controllo del territorio.
Di concerto con il Sindaco di Pietragalla, è stato sollecitato un incontro urgente al Prefetto di Potenza, chiedendo misure aggiuntive per il contrasto e la repressione del fenomeno. La Prefettura, con propria nota a stretto giro, ha comunicato che la problematica di Avigliano è stata oggetto di trattazione nella riunione delle Forze di Polizia del 27 novembre scorso, che ha deciso di intensificare le attività notturne di presidio e controllo del territorio a partire da dicembre scorso e ancora in corso.
Ho personalmente incontrato gruppi di cittadini che nel frattempo intendevano organizzare, autonomamente, servizi di ronda notturna, ammonendoli sulla pericolosità dell’iniziativa e invitandoli a segnalare qualsiasi anomalia alle forze dell’ordine.
Martedì scorso, insieme al Capitando Cascone dei Carabinieri, abbiamo avuto un nuovo incontro presso la Caserma dei Carabinieri di Lagopesole, per monitorare la situazione e programmare nuove iniziative, anche alla luce dei fatti più recenti
Siamo costantemente impegnati a fronteggiare, da diverse settimane, un fenomeno completamente nuovo per le nostre realtà, suggerendo comportamenti adeguati rispetto alla situazione e rispediamo al mittente qualsiasi accusa di inerzia che, evidentemente, punta solo a screditare il nostro lavoro e quello delle forze dell’ordine.
L’obbligo di garantire la sicurezza dei cittadini, in un clima di serenità investe tutti e di fronte ad una situazione che rischia di diventare emergenziale. Sono certo che nessuno vorrà lucrare sulle paure dei cittadini, meno che mai il Consigliere regionale di FDI-AN Gianni Rosa, strumentalizzando politicamente le vicende, anche se la imminenza delle consultazioni elettorali non lascia ben sperare.
Occorre compiere ogni sforzo, da parte di tutti, affinché nel cittadino non maturi la convinzione di abbandono o di sottovalutazione da parte degli organi preposti, favorendo forme di giustizia fai da te o di ronde notturne che rischiano di alimentare situazioni fuori controllo estremamente rischiose.
Lasciamo che le forze dell’ordine continuino a svolgere il proprio lavoro con il massimo scrupolo, manifestando sempre fiducia e solidarietà per il compito che svolgono. Lo scontro politico consumiamolo su altri argomenti".
bas04