Segnala ad un amico stampa

Pari opportunità, interviene il Centro Democratico

02/02/2016 18:45

AGRIntervento della Commissione pari opportunità del Centro Democratico

“In seguito alla seduta aperta convocata dalla CRPO in data 28.01.2016, la Commissione pari opportunità del Centro Democratico accoglie con favore l’opportunità di un qualificato confronto interpartitico per determinare azioni positive in tema di democrazia paritaria. Un tavolo aperto che unisca più voci di donne, in diversi ambiti e a vario titolo impegnate nella rimozione delle discri¬minazioni, traccia un percorso importante nel cammino verso la rivoluzione culturale. Un percorso irto di ostacoli, ancora lungo ma che non ha colore politico se non quello della bandiera della tutela dei diritti, in armonia con i principi ispiratori derivanti dalla Costituzione italiana, dalle dichiarazioni internazionali sui diritti dell’uomo, dalle direttive della Comunità europea, dalla legislazione nazionale ed europea in materia e dai contratti collettivi di lavoro. Tavoli operativi interpartitici possono rappresentare un valido strumento per lavorare “per” e non “contro”, favorendo azioni di contenuto per il bene comune. La diversità accresce la forza di ogni entità e rendersi conto di dover fare ancora ricorso a disposizione di legge per assicurare il raggiungimento di una adeguata rappresentatività di genere è sintomatico dell’inciviltà di un paese, che ha ancora tanto lavoro da affrontare in tale ambito. Parliamo di normative precettive e cogenti, non di meri messaggi programmatici, che ciò nonostante vengono disattese troppo spesso con incomprensibi¬le leggerezza. La recente formazione dell’esecutivo municipale della città capoluogo ne è un esempio ed ha scritto un’altra triste pagina per la nostra regione. Nella consapevolezza che i territori sono il vero specchio ed i veri protagonisti del possibile riscatto culturale, si reitera l’invito affinchè la Spettabile CRPO voglia adottare tutti gli opportuni e necessari provvedimenti al fine di impedire il protrarsi della condotta illegittima del Sindaco di Potenza. L’auspicio è che la democrazia paritaria possa essere promossa nei fatti e non e¬ssere solo uno slogan o una enunciazione di principio”. Bas 03